Sismabonus: solo per spese che eccedono i finanziamenti ricevuti

Il 23 agosto è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale l’ordinanza n. 60 del 31 luglio 2018 di Paola De Micheli, Commissario del governo per la ricostruzione nei territori interessati dal sisma del 24 agosto 2016, sui “Rapporti tra interventi di ricostruzione privata e benefici fiscali”. L’ordinanza prevede che i soggetti che hanno potuto usufruire i contributi per realizzare gli interventi di ricostruzione privata nei comuni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, colpiti dal sisma due anni fa e l’anno scorso, avranno la possibilità di accedere al sismabonus per quanto concerne le spese che sforano il finanziamento ricevuto.

Leggi anche Ecobonus e Sismabonus, codici tributo da indicare in F24

Sismabonus, divieto di cumulo

Perciò si prevede il divieto di accumulare le due diverse agevolazioni, come stabilito dalla legge di bilancio 2017. Infine, l’ordinanza specifica le regole tecniche da rispettare per la predisposizione dei progetti inerenti alle diverse ipotesi di interventi finanziabili.

Sul Sismabonus consigliamo:

Classificazione della vulnerabilità sismica degli edifici e sisma bonus

Classificazione della vulnerabilità sismica degli edifici e sisma bonus

Roberto Cornacchia - Matilde Fiammelli , 2018, Maggioli Editore

Alla luce delle recentissime novità riguardanti gli interventi su edifici esistenti previste dalle Norme Tecniche per le Costruzioni 2018 (d.m. 17 gennaio 2018) e del d.m 65/2017, che ha definito le linee guida per la valutazione di sicurezza sull’edificio e la conseguente attribuzione ad...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here