Detrazione Iva per ristrutturazione capannone quando proprietà è di terzi

Per la Cassazione è necessario un nesso di strumentalità tra immobile e attività professionale

473
Detrazione Iva per ristrutturazione capannone anche se proprietà è di terzi

La Cassazione ha stabilito, attraverso la sentenza 11533/2018 che colui che svolge un intervento di ristrutturazione, che si tratti di un professionista o di un’impresa, si può avvalere del diritto alla detrazione Iva anche nel caso in cui l’immobile è di proprietà di un terzo. Nel caso esaminato dalla Cassazione, l’impresa aveva ristrutturato un immobile appartenente alla categoria catastale A/2 abitativa di proprietà di un’altra società, ma al termine della ristrutturazione, l’immobile si è procurato il cambio di destinazione d’uso passando alla categoria catastale D/2. L’impresa, dopo aver domandato ed essersi aggiudicata la detrazione dell’Iva, in seguito ad accertamenti l’ha persa, poiché revocata dall’Agenzia delle Entrate.

Leggi anche Detrazione ristrutturazione: a chi spetta in caso di permuta

Detrazione Iva, cosa dice la Cassazione

Secondo la Cassazione per aggiudicarsi la detrazione deve esserci un presupposto fondamentale: la strumentalità del bene. Perciò diventa necessario appurare se l’immobile viene utilizzato per l’esercizio dell’attività professionale o di impresa. Nel caso in questione, i giudici non hanno tenuto conto che al momento dei lavori, il fabbricato appartenesse alla categoria catastale A/2 con destinazione abitativa, in quanto il nesso di strumentalità è stato verificato dal successivo cambio di destinazione d’uso alla categoria D/2. Inoltre, la Cassazione ha contrastato le dichiarazioni del Fisco sulla proprietà dell’immobile. Il Fisco ha sostenuto che alcuni professionisti e alcune imprese per ottenere la detrazione ricorrono a degli escamotage per fare in modo che l’immobile risulti strumentale allo svolgimento dell’attività.

Mentre la Cassazione ha confermato la detrazione Iva, sostenendo: “Deve riconoscersi il diritto alla detrazione IVA per lavori di ristrutturazione o manutenzione anche in ipotesi di immobili di proprietà di terzi, purché sia presente un nesso di strumentalità con l’attività d’impresa o professionale, anche se quest’ultima sia potenziale o di prospettiva. E ciò pur se – per cause estranee al contribuente – la predetta attività non abbia poi potuto concretamente esercitarsi”. Infine la Cassazione ha concluso sostenendo che il nesso di strumentalità viene a meno solo nel caso in cui l’attività che avrebbe dovuto svolgersi nell’immobile non cominci per cause imputabili al professionista o all’impresa.

Sull’argomento consigliamo:

Bonus casa 2018

Bonus casa 2018

Questo nuovissimo volume esamina gli aspetti civilistici, procedurali e fiscali del Bonus Casa 2018, tenuto conto delle novità normative introdotte dalla Legge di Bilancio (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) su ristrutturazioni edilizie, riqualificazione energetica (ecobonus), bonus mobili/arredo, interventi per la riduzione del rischio sismico (sisma bonus) e interventi per aree verdi e giardini (bonus verde).

Per ogni agevolazione, la trattazione analizza la disciplina, con specifici approfondimenti in tema di interventi previsti, soggetti ammessi e immobili interessati e chiarisce il corretto iter da seguire per usufruire delle detrazioni in dichiarazione dei redditi e gli adempimenti tributari relativi alle imposte dirette e indirette.

GIANMARIA GAVELLI Dottore commercialista e revisore legale con studio in Ravenna, già autore di diverse pubblicazioni e di volumi di carattere societario e fiscale.

Leggi descrizione
Gianmaria Gavelli, 2018, Maggioli Editore
16.00 € 15.20 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here