Ecobonus, rifacimento pavimenti e diritto alla detrazione

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito le condizioni necessarie nel caso di rifacimento di una pavimentazione per fruire dell’ecobonus, ovvero del diritto alla detrazione per il risparmio energetico. Nello specifico, ha illustrato che si può fruire dell’ecobonus quando le pavimentazioni rientrano tra le strutture opache orizzontali che concorrono al risparmio energetico dell’involucro degli edifici esistenti. Perciò si parla di pavimenti verso locali non riscaldati o verso l’esterno, tra cui i pavimenti contro terra.

L’Agenzia delle Entrate precisa anche che il pavimento debba rispettare i requisiti di trasmittanza termica previsti dal Decreto del ministro dello Sviluppo economico dell’11 marzo 2008 (successivamente modificato dal Decreto ministeriale 26 gennaio 2010) e che siano stati eseguiti gli adempimenti a carico del contribuente per poter usufruire dell’ecobonus.

Leggi anche Detrazione ristrutturazione, invio dati obbligatorio se si ottiene riqualificazione energetica

Ecobonus 65%, interventi di coibentazione

Gli interventi di coibentazione su strutture opache, sia verticali che orizzontali, possono usufruire dell’agevolazione con ecobonus 65%, purché si tratti di coibentazione di strutture già esistenti, che determini un volume riscaldato verso l’esterno e rispetti i valori di trasmittanza termica finali stabiliti nella tabella 2 del DM 26 gennaio 2010.

Le spese ammissibili sono quelle relative alla fornitura e posa in opera di materiale isolante, la fornitura e posa in opera di materiali ordinari, la demolizione e successiva ricostruzione dell’elemento costruttivo, le opere provvisionali e accessorie ed infine le spese per le prestazioni professionali, tra cui la redazione dell’APE.

Leggi anche Ecobonus, cosa cambia se viene ufficializzata la bozza di decreto

Ecobonus, detrazioni 50% per rifacimento pavimenti

La sostituzione dei pavimenti può beneficiare della detrazione 50% anche se ricompresa tra i lavori di manutenzione ordinaria, quando viene eseguita su parti comuni condominiali. Può essere portata in detrazione la spesa relativa al rifacimento di pavimentazioni quando fanno parte di un intervento di ristrutturazione più ampio già di per sé ammesso all’agevolazione, quale la realizzazione di mura divisorie, lo spostamento dei servizi e la demolizione di tramezzature. Viceversa non si può mai detrarre le spese inerenti all’acquisto di pavimentazioni attraverso il Bonus Mobili.

Sull’Ecobonus consigliamo:

ECOBONUS 2018

ECOBONUS 2018

Lisa De Simone, 2018, Maggioli Editore

Il 2018 segna uno spartiacque rispetto al passato e rinnova profondamente la disciplina delle agevolazioni fiscali sulla casa. In particolare, la Legge Finanziaria 2018 interviene in maniera profonda sul c.d. Ecobonus per interventi di risparmio energetico. Diversi e importanti i cambiamenti:...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here