BIM

Cimolai S.p.a. è un’azienda leader nella progettazione, fornitura e montaggio di strutture complesse in acciaio che opera a livello internazionale e che si è sempre posta nel mercato come realtà all’avanguardia nel proprio settore. Tra le tante strategie vincenti non possiamo non elencare l’approccio aziendale verso il BIM che Cimolai ha introdotto in tempi non sospetti nel proprio ciclo produttivo, intravedendone i vantaggi che ciò avrebbe comportato in tempi brevi.

Un importante elemento di supporto durante questo processo di implementazione è stata sicuramente l’adozione nel 2006 del software Tekla Structures della casa madre finlandese Trimble che viene impiegato in tutto il mondo nella modellazione strutturale avanzata in BIM. Una soluzione al passo coi tempi: nella nuova release 2018, offre la possibilità di collegare le nuvole di punti ai modelli BIM, processi di modellazione veloci e dettagliati, un migliore controllo delle modifiche, una produzione più rapida di disegni con la possibilità di inserire contenuti personalizzati e la gestione dei flussi di lavoro in modo altamente efficiente (per maggiori informazioni, visitare la pagina a questo link.

Modellazione strutturale in Tekla, progetto VTB Arena

Una soluzione che ha permesso quindi di dare una risposta concreta alle esigenze produttive di un’azienda così fortemente strutturata come Cimolai. Approfittiamo della disponibilità dell’Ing. Ennio Picco, Responsabile Ufficio Tecnico di Cimolai per porgli alcune domande, con lo scopo di capire quali vantaggi ha riscontrato l’azienda nel tempo a seguito dell’adozione del BIM.

Quali sono le ragioni che hanno spinto Cimolai all’utilizzo di Tekla Structures?

All’inizio eravamo alla ricerca di uno strumento veloce, rapido e efficiente per lo sviluppo della disegnazione costruttiva nell’ambito dell’ufficio tecnico. In seconda battuta, essendo in un periodo di forte crescita, avevamo la necessità di formare velocemente il personale in modo che fosse produttivo in tempi rapidi e quindi abbiamo individuato in Tekla Structures lo strumento e la piattaforma ideale per raggiungere questi primi due obiettivi. Poi con il passare del tempo sono aumentate le richieste da parte dei nostri clienti relativamente all’interoperabilità, alla gestione delle informazioni in maniera coordinata e alla progettazione integrata, e Tekla si è sempre dimostrato lo strumento adatto per rispondere a queste necessità.

Attualmente stiamo vivendo la fase cruciale del BIM. Si sta parlando a 360 gradi di BIM nel mondo delle costruzioni e quindi abbiamo trovato in questo piattaforma la risposta alle nostre domande. Fatto sta che dal 2006 siamo passati da poche licenze al numero attuale di 62 licenze nel nostro ufficio.

In quale tipologia di commessa viene utilizzato oggi Tekla Structures e quali vantaggi porta il suo utilizzo?

Posso affermare che Tekla Structures in Cimolai è applicato alla quasi totalità delle commesse, in quanto è diventato negli ultimi anni la base strutturata di dati alla quale tutto il sistema attinge e tutto il sistema si riferisce. Non è solo costruttivi ma è molto di più: è un punto di riferimento per la progettazione, per il concept e per il montaggio. Per cui bridges, buldings, strutture speciali, stadi… sono tutte strutture che sviluppiamo con questa piattaforma. I vantaggi sono essenzialmente in termini di efficienza: efficienza vuol dire accedere alle informazioni in maniera robusta, informazioni che girano congruenti, informazioni corrette e riduzione dei tempi di sviluppo sia dalla parte costruttiva che di quella progettuale. Questo si traduce in efficienza.

Grazie a Tekla Structures Cimolai ha avuto la possibilità di ottenere nuovi incarichi per commesse che prima non sarebbe stato possibile affrontare?

Sì. Tutti i maggiori player internazionali ormai organizzano le loro commesse in BIM, i capitolati delle gare prevedono dei BIM Execution Plans molto ben definiti e ben organizzati e le richieste in termini di organizzazione che ci vengono fatte sono decisamente di alta qualità. Quindi noi in questo modo possiamo rispondere e associare il know-how tipico di un’azienda come la nostra con una struttura ben organizzata. Siamo da 50 anni nel settore dell’acciaio e i nostri clienti ci cercano perché sappiamo come si fa l’acciaio.

La mia sfida in azienda è quella di estendere la metodologia di lavoro BIM a tutte le parti e a tutti i settori aziendali, noi abbiamo circa un centinaio di project managers che fanno parte dell’area direzionale, la soddisfazione è iniziare a vedere il loro coinvolgimento, utilizzando le tecniche di project managment applicate all’utilizzo della strumentazione BIM. Questa è una sfida che noi abbiamo iniziato con l’ufficio tecnico 10 anni fa e che ora, finalmente, sta cominciando a permeare l’azienda in tutte le sue aree funzionali.

La cosa che ti è piaciuta di più di Tekla Structures, in assoluto?

L’estrema facilità nel dare concretezza alle idee.

Immagine in evidenza: VTB Arena (Mosca)


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here