normativa scuole antincendio

Il decreto del Ministero dell’Interno del 21/03/2018, “Applicazione della normativa antincendio agli edifici e ai locali adibiti a scuole di qualsiasi tipo, ordine e grado, nonché agli edifici e ai locali adibiti ad asili nido”, fornisce le indicazioni prioritarie previste per l’adeguamento alla normativa antincendio emanata con il D.M. 26/08/1992 (“Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica”).

In quel decreto venivano prescritte una serie di misure da attuare al fine di rendere le scuole sicure contro gli incendi e fissava i termini di adeguamento al 31/12/1997, cinque anni dopo la sua emanazione. Tuttavia, negli anni successivi, essendo ancora in pochi gli edifici scolastici a norma, la scadenza è stata più volte prorogata, fino ad arrivare con l’articolo 4, comma 2 del D.L. 30/12/2016, n. 244 coordinato con la legge di conversione 27/02/2017, n. 19 recante “Proroga e definizione di termini” (c.d. “Milleproroghe”), al termine ultimo del 31/12/17.

Antincendio scuole e asili: la situazione al 2018

A gennaio 2018, almeno 42.000 edifici sul territorio nazionale, ossia più del 50% delle scuole ancora non era in possesso del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) ed era a rischio chiusura.

Con l’ultima nota n. 5264 del 18/04/2018, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Ministero dell’Interno indica quali misure integrative adottare in caso di inadempienza alla normativa antincendio. Tuttavia, nel caso in cui nell’attività di vigilanza ispettiva svolta sul territorio si riscontri la presenza di attività scolastiche e di asili nido in esercizio senza SCIA o senza il completo adeguamento alle disposizioni del DM 21/03/2018, bisognerebbe applicare le sanzioni previste dal D. Lgs. n. 758/1994 per contravvenzioni rilevate, nonché il provvedimento di sospensione dell’attività sancito dall’Allegato I del D. Lgs. 81/2008.

Per non farsi cogliere impreparati e conoscere quali misure integrative adottare congiuntamente o alternativamente per rendere le scuole sicure contro gli incendi e adeguarsi alla normativa vigente, è fondamentale avvalersi di figure competenti e qualificate come Tommaso Barone, consulente esperto in materia di Sicurezza e Igiene nei luoghi di lavoro, specializzato soprattutto nel settore Scuola. Da anni, infatti, svolge l’attività di consulente tecnico esterno “RSPP” e formatore per diverse scuole di ogni ordine e grado in varie province.

Leggi anche Sicurezza nelle scuole: quando bisogna nominare il Medico Competente?

Per richiedere una consulenza sulla normativa antincendio basta scrivere a info@tommasobarone.it o visitare il sito www.tommasobarone.it.

Ti potrebbe interessare anche

Prevenzione incendi - Procedure, modulistica ed esempi

Prevenzione incendi - Procedure, modulistica ed esempi

Pietro Salomone, 2017, Maggioli Editore

Come si redige una SCIA antincendio? Come si compilano i modelli PIN? Che documenti bisogna allegare alla SCIA? Come si calcola l’importo dei diritti di istruttoria da versare alla Tesoreria Provinciale dello Stato? Il testo guida il tecnico nell’aggrovigliato mondo normativo...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here