Agevolazioni e Detrazioni IMU, dal MEF il punto della situazione

Si avvicina la scadenza del 18 giugno, data fissata per il pagamento della prima rata della nuova IMU. A questo proposito, come già anticipato da Ediltecnico.it, è stata pubblicata la circolare IMU del Ministero delle finanze (MEF) che chiarisce molti degli aspetti controversi dell’imposta.

Di particolare interesse risulta il tema delle esenzioni e delle agevolazioni IMU, di cui cercheremo di fare una sintesi in questo articolo, basato sulle informazioni contenute nella Guida all’applicazione IMU per il 2012 a cura del MEF (per una trattazione completa del tema IMU si veda la pagina IMU).

Edifici di interesse storico ed edifici inagibili
Per i fabbricati di interesse storico o artistico e per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni, la base imponibile calcolata va dimezzata del 50%.

Anziani e case di italiani residenti all’estero
Le aliquote per l’abitazione principale (base 0,4%, variabile da Comune a Comune da un minimo dello 0,2% a un massimo dello 0,6%) e per le relative pertinenze si applicano anche alla casa coniugale assegnata all’ex coniuge e, se il Comune lo ha previsto nel proprio regolamento, all’abitazione non locata posseduta da anziani o disabili che risiedono in istituti di ricovero o sanitario e cittadini italiani residenti all’estero.

Detrazione IMU per l’abitazione principale e per le relative pertinenze
Per l’abitazione principale e per le relative pertinenze è riconosciuta, oltre all’aliquota ridotta, anche una detrazione pari a € 200 per il periodo durante il quale si protrae la destinazione.

Se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi in egual misura e proporzionalmente al periodo per il quale la destinazione stessa si verifica. Ad esempio, se l’abitazione è posseduta da due coniugi che vi risiedono e dimorano per l’intero anno, a ciascuno di essi spetta la detrazione di 100 euro (200/2). Se, invece, l’abitazione è posseduta da 4 soggetti passivi che vi risiedono e dimorano per l’intero anno, a ciascuno di essi spetta la detrazione di 50 euro (€ 200/4).

Detrazione per i figli
La detrazione di 200 euro è maggiorata di 50 euro per ciascun figlio di età non superiore a 26 anni, a condizione che lo stesso dimori abitualmente e risieda anagraficamente nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale. Non è necessario che i figli siano fiscalmente a carico.

La maggiorazione non può superare 400 euro e, pertanto, l’importo complessivo della detrazione (200 euro) e della maggiorazione non può risultare superiore a 600 euro.

Il diritto alla maggiorazione della detrazione IMU per i figli spetta fino al compimento del 26esimo anno di età, per cui si decade dal beneficio dal giorno successivo a quello in cui si è verificato l’evento. Per potere computare l’intero mese nel calcolo della maggiorazione, occorre che il compimento del 26esimo anno di età si verifichi dal 15esimo giorno del mese in poi e che la nascita si sia verificata da almeno 15 giorni.

Altri casi di detrazione IMU
La sola detrazione IMU prevista per l’abitazione principale e per le relative pertinenze si applica anche alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari e agli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o altrimenti denominati.


1 COMMENTO

  1. mio padre disabile e invalido al 100%vive con me e non con mia madre xke lei non è in grado di assisterlo vorrei sapere cortesemente come è possibile che una persona nelle condizioni di mio padre debba pagare l’IMU come seconda casa perche nn residente. grazie claudia

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here