sicurezza sul lavoro

Il 5 gennaio è entrata in vigore la Carta dei Diritti e dei Doveri degli studenti in Alternanza scuola-lavoro. La Carta è stata pubblicata all’interno della Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 297 del 21/12/2017 e disciplina le modalità di svolgimento dei percorsi di Alternanza scuola-lavoro. I percorsi di alternanza, progettati insieme al soggetto ospitante, sono inseriti all’interno del Piano triennale dell’offerta formativa predisposto dalla Scuola e nel Piano Educativo di corresponsabilità.

Gli studenti sono supportati lungo il percorso da un tutor designato dalla struttura ospitante e da un tutor interno nominato dall’Istituzione Scolastica e sono tenuti  a osservare l’effettiva frequenza delle attività formative erogate dal soggetto ospitante, rispettare le norme in materia di igiene, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e infine ottemperare agli obblighi di riservatezza per quanto attiene a dati, informazioni e conoscenze acquisiti durante lo svolgimento dell’esperienza in alternanza.

Presso gli uffici scolastici regionali sono state istituite apposite commissioni per l’alternanza scuola-lavoro, al fine di garantire il rispetto delle disposizioni del presente regolamento sul territorio regionale. La commissione è presieduta dal Dirigente preposto all’ufficio scolastico regionale ed è composta da 3 studenti e due docenti. Nel caso di violazione delle norme commesse nell’organizzazione e svolgimento dei percorsi di alternanza, gli studenti  della scuola secondaria superiore potranno presentare apposito reclamo all’ufficio scolastico regionale territorialmente competente.

Sicurezza sul lavoro: la formazione secondo la Carta

Secondo l’art. 5, tutti gli studenti coinvolti in percorsi alternanza Scuola-Lavoro dovranno ricevere una formazione di base in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, per poi proseguire successivamente con una formazione specifica.

Alla tradizionale formazione in aula potrà essere associata anche la formazione in modalità e-learning, anche in convenzione con le piattaforme pubbliche esistenti riguardanti la formazione come previsto dall’accordo. Tale formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro dovrà essere certificata e riconosciuta a tutti gli effetti sulla base della normativa vigente.

Sarà compito dei Dirigenti Scolastici organizzare tali corsi rivolti agli studenti inseriti in percorsi di alternanza ed eventualmente ridurre i costi a carico delle Scuole stipulando apposite convenzioni e accordi territoriali con i soggetti e gli enti competenti a erogare tale tipo di formazione (es. INAIL).

Gli studenti che svolgono percorsi di alternanza scuola lavoro vengono equiparati a dei veri e propri lavoratori ed è stabilito il numero di studenti ammessi in struttura sulla base delle effettive capacità strutturali, tecnologiche e organizzative della struttura ospitante. Agli studenti in regime di alternanza è garantita la sorveglianza sanitaria. Essi sono inoltre assicurati presso l’INAIL contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e sono coperti da una assicurazione per la responsabilità civile verso terzi con relativi oneri a carico dell’Istituzione Scolastica.

Per saperne di più è possibile scrivere un’email a info@tommasobarone.it o visitare il sito www.tommasobarone.it

Potrebbe interessarti anche Sicurezza a scuola: i mille volti di un RSPP


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here