Morti tre operai a Milano

Ieri pomeriggio 6 operai sono rimasti coinvolti in un grave incidente di sicurezza sul lavoro a Milano: intossicati da esalazioni tossiche durante la pulizia “di routine” di un forno interrato (di circa due metri) alla Lamina, ditta che produce acciaio e titanio a Rho. 3 di loro sono morti per arresto cardiaco poco dopo essere stati portati all’ospedale di Monza e al Sacco di Milano. Il quarto operaio è in condizioni gravissime, gli altri due sono meno gravi e sono all’ospedale Santa Rita. Un capo squadra dei pompieri, arrivato tra i primi sul posto per il soccorso, è rimasto lievemente intossicato: ora è all’ospedale Niguarda per accertamenti. Aggiornamento del 19 gennaio: purtroppo, è morto anche il quarto operaio coinvolto.

Incidente a Milano, tre morti: cos’è successo

Nella zona dei forni per il riscaldamento c’erano il responsabile della produzione Arrigo Barbieri, 57 anni, e l’elettricista esterno Marco Santamaria, 42 anni: giù, a circa due metri di profondità, stanno riparando un guasto o effettuando una normale manutenzione: ecco perchè hanno disattivato l’allarme. A un certo punto è successo qualcosa, forse a causa dell’azoto che scorre nei tubi gialli. Santamaria e Barbieri hanno perso i sensi sul fondo della struttura.

Il primo ad arrivare è stato Giancarlo Barbieri, fratello maggiore di Arrigo, che è sceso dentro al forno, ma si sente subito male. Tutti gli altri accorrono sul posto, si affacciano alla ringhiera e vedono chiaramente cosa sta succedendo in basso. In due, Alfonso Giocondo e Giampiero Costantino, cercano di trarre in salvo Giancarlo Barbieri prendendolo per le braccia ma non ci riescono, perché scivola all’indietro. I due escono. In quel momento arriva un altro operaio, Giuseppe Setzu, che va giù per salvare i colleghi. Nel frattempo, i responsabili della ditta hanno già chiamato i soccorsi. Sul fondo della fossa ci sono quattro corpi che non si muovono, in arresto cardiocircolatorio. Marco Santamaria muore pochi minuti dopo il ricovero al Sacco. Arrigo Barbieri e Giuseppe Setzu muoiono poco dopo. L’unico ancora in vita è Giancarlo Barbieri, in condizioni gravi.

I soccorsi hanno tardato ad arrivare, almeno mezz’ora, stando ai racconti di un operaio della fabbrica. L’azienda è stata subito sequestrata dai carabinieri su disposizione dei pm Tiziana Siciliano e Gaetano Ruta. Sul tipo di sostanza tossica esalata sono in corso gli accertamenti dei vigili del fuoco del nucleo NBCR (nucleare, biologico, chimico e radiologico). Per ora, l’unica cosa che possiamo dire è che i vigili del fuoco non hanno rilevato presenza di monossido di carbonio nei locali.

Cosa produce l’azienda Lamina

La Lamina è specializzata dal 1949 nella produzione per laminazione a freddo di nastri di alta precisione in acciaio e titanio. In particolare produce nastri inossidabili incruditi usati per le molle industriali.

Lo racconta uno degli operai della ditta: la Lamina è sempre stata attenta alla sicurezza, con controlli costanti. A proposito di sicurezza sul lavoro, il ministro del lavoro, Giuliano Poletti, ha dichiarato: “La legislazione italiana sulla sicurezza nei luoghi di lavoro è considerata una buona legislazione e il sistema dei controlli interviene su 200.000 imprese ogni anno. Serve, però, anche un impegno permanente di tutti i soggetti interessati ed una peculiare attenzione da parte degli imprenditori perché non dovrebbe mai accadere che un lavoratore perda la vita mentre svolge la sua attività”.


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here