I vantaggi fiscali per i condomini sono tre. 1) Prima di tutto, ci sono 4 anni pieni per usufruire della detrazione per la riqualificazione energetica, che scade il 31 dicembre 2021. 2) Inoltre, sempre a proposito di ecobonus, anche se è stata declassata dal 65% al 50% di detrazione fiscale la sostituzione degli impianti di climatizzazione con caldaie e condensazione che non siano almeno di classe A, i generatori a biomasse, le schermature solari e l’installazione di infissi, si può detrarre al 65% la microcogenerazione. 3) Infine, sono state confermate le detrazioni al 70% e 75% per edifici che conseguano risultati elevati di risparmio energetico con una spesa massima di 40.000 euro per unità immobiliare.

Ecobonus: ottenere la detrazione massima

Per ottenere il massimo dalle possibilità di detrazione fiscale per il condominio sfruttando l’ecobonus, prima di tutto è essenziale che l’amministratore proponga in assemblea una diagnosi energetica dell’edificio. La diagnosi, per gli edifici vecchi, indica solitamente alcuni di interventi migliorativi piuttosto costosi. A quel punto (è inevitabile) il dibattito in assemblea si farà rovente.

Le maggioranze utili in assemblea per approvare i lavori

Per approvare i lavori per l’ecobonus, occorre (diagnosi energetica alla mano) la maggioranza dei presenti che rappresenti almeno 1/3 dei millesimi. Chi non vuol fare i lavori dovrà raccogliere la maggioranza dei presenti, cioè almeno 500 millesimi.

Ci sono anche detrazioni per i lavori sul verde condominiale. Per vedere approvati i lavori di manutenzione al giardino comune agevolabili con il Bonus Verde 2018 basta la maggioranza dei presenti, cioè almeno 1/3⅓ dei millesimi. Così come per i lavori di manutenzione straordinaria per il recupero edilizio e lavori antisismici: solo in caso di lavori di grande entità, serve la maggioranza dei presenti e almeno 500 millesimi. Se infine gli interventi sono innovazioni, la maggioranza utile all’approvazione sale alla metà + 1 dei condòmini, almeno ⅔2/3 dei millesimi.

Importante anche scegliere un operatore che accetti a buone condizioni la cessione del credito fiscale, che ora non è più limitata ai soli condòmini a basso reddito.

Legge di Bilancio: le nuove detrazioni per il condominio

La Legge di Bilancio 2018 ha introdotto (appunto) il Bonus Verde e la proroga al 2018 della detrazione del 50% per i lavori di ristrutturazione edilizio. In più, c’è una nuova detrazione dell’80% (spesa massima di 136mila euro per unità immobiliare) per le misure antisismiche che portino a una riduzione di una classe di rischio, realizzate insieme alla riqualificazione energetica. La Legge di Bilancio 2018 mette a disposizione un fondo di garanzia per sostenere questi investimenti.

Ti potrebbe interessare

Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

2017, Maggioli Editore

Guida pratica in forma ebook che illustra tutte le novità contenute nel testo definitivo della Legge di Bilancio 2018 presentato in Parlamento lo scorso 31 ottobre.La Manovra vale complessivamente 20,4 miliardi di euro e punta alla crescita con il sostegno agli investimenti e...




1 COMMENTO

  1. “Chi non vuol fare i lavori dovrà raccogliere la maggioranza dei presenti, cioè almeno 500 millesimi.” A mio avviso non è corretto, in realtà dovrebbe essere “la maggioranza dei partecipanti al condominio, cioè almeno 500 millesimi”… O sbaglio?

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here