difetti degli edifici

Una news veloce per segnalare che la Corte di cassazione (ordinanza n. 24486/2017) afferma un principio di diritto: il termine annuale per la denuncia dei gravi difetti degli edifici appaltati decorre dal giorno in cui il committente o l’acquirente hanno un buon grado di conoscenza obbiettiva della gravità dei difetti stessi e della loro derivazione da un’esecuzione imperfetta dell’opera. La scadenza è stabilita dall’art. 1669, comma 1 del Codice civile. Pena la decadenza.

La Corte ha cassato in questo modo la pronuncia del giudice di merito che aveva fatto decorrere il termine de quo dal giorno del deposito della consulenza tecnica d’ufficio disposta nel corso della causa di merito. La proposta di un’azione giudiziaria introdotta mediante citazione a giudizio implica, da parte del committente, l’avvenuta conoscenza dei difetti. E la conoscenza dei dei guasti avviane prima della citazione (per forza).

Ti potrebbero interessare anche

Difformità, vizi e difetti delle opere edili

Difformità, vizi e difetti delle opere edili

Romolo Balasso, 2016, Maggioli Editore

Il libro affronta un tema che, almeno per le professioni tecniche, assume una particolare rilevanza perché può determinare delle responsabilità professionali in capo:• ai progettisti, obbligati a compiere scelte idonee ad evitare vizi e/o difetti delle opere in...



>>> Difetti degli edifici: compri casa e ha guasti gravi, di chi è la colpa?


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here