Home Ambiente Canne fumarie, in vigore la nuova norma UNI sui sistemi di evacuazione

Canne fumarie, in vigore la nuova norma UNI sui sistemi di evacuazione

Nuove regole per le canne fumarie contenute nella nuova norma UNI che sostituisce la precedente: come scegliere i sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione?

8425
nuova norma uni per canne fumarie

Una rapida news per ricordarvi che è in vigore dal 19 ottobre la nuova norma UNI 11278:2017, che deve essere applicata a canne fumarie, camini, canali da fumo, condotti di scarico fumi, condotti coassiali, collettori e condotti per intubamento metallici.

La nuova norma UNI 11278:2017 sostituisce la UNI/TS 11278:2008 e stabilisce i criteri di scelta dei sistemi metallici di evacuazione dei prodotti della combustione per apparecchi a combustibile solido o liquido, per assicurarne l’abbinamento corretto all’apparecchio che viene usato, sulla base della tipologia di installazione e della designazione del prodotto, in conformità alla UNI EN 1443 e alle norme europee di prodotto applicabili (UNI EN 1856-1, UNI EN 1856-2).

Leggi anche

Canne fumarie: la norma UNI 10847:2017 stabilisce i criteri per la pulizia


Condividi

1 COMMENTO

  1. Più che un commento é una richiesta di aiuto. Proprio perché il pair 2020 ha vietato di bruciare legna ove nel l’abitazione sia presente impianto di riscaldamento a gas. Sono continuamente bersagliata dal fumo di una stufa a legna che un abitazione vicina alla mia utilizza sconsideratamente tutto il giorno dal cui comignolo escono nuvole dense di fumo anche quando le temperature superano i 20 gradi questo fino a notte. Non siamo tutelati da nessuno amministrazione, vigili, carabinieri continuano ad affermare che possono bruciare senza alcuna limitazione. Credo sia un comportamento di grande inciviltá. Mi rifaccio a ciò che é stato pubblicato da voi quasi un anno fa e speravo in una risoluzione del problema grazie alle nuove norme ma vedo che nessuno conosce nulla anzi si tende a trascurare questi aspetti quotidiani dellinquinamento dell’aria che però noi dobbiamo respirare. Per favore ditemi cosa si può fare per affrontare il problema in modo tecnico e per la tutela della nostra salute.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here