finanziamenti europei

Si svolgerà il 10 novembre a Roma, presso la sede del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Roma 3, l’open day dedicato alla presentazione del corso di perfezionamento Progettazione e finanziamenti europei. La giornata si aprirà con la presentazione del Direttore del Corso il Prof. Raffaele Torino e proseguirà con l’intervento dell’ing. Mauro Cappello, che in qualità di docente del corso illustrerà il programma sui fondi strutturali che tratterà nella sua docenza e le opportunità offerte da questa nuova professione.

Titolo di accesso, costo ed ore di lezione

Il corso prevede un costo di € 700,00 e si compone di 160 ore di insegnamento ed esercitazioni pratiche, possono partecipare tutti possessori di un diploma accademico di primo livello oppure di laurea o di altro titolo rilasciato all’estero riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente. È possibile partecipare anche come uditore, in tal caso la quota di partecipazione è di € 400,00 non si deve sostenere l’esame finale e si riceve un attestato di partecipazione.

Chi gestisce i fondi, come si accede

I liberi professionisti come beneficiari di fondi strutturali

Nell’incontro del 10 novembre Mauro Cappello presenterà i fondi strutturali e le opportunità di finanziamento che essi offrono, descriverà la struttura ed i compiti delle Autorità che gestiscono queste risorse e le procedure di accesso. Una parte importante sarà dedicata all’ingresso dei liberi professionisti come beneficiari di fondi europei.

Le opportunità professionali

Una delle più interessanti opportunità professionali nel mondo dei fondi comunitari è quella della “Assistenza tecnica” ovvero la consulenza. Quali competenze sviluppare, dove trovare questi bandi, come costruire un CV efficace sono gli ulteriori punti che verranno toccati durante l’incontro. I destinatari sono liberi professionisti, insegnanti, funzionari della pubblica amministrazione e università. Per maggiori informazioni e iscrizioni cè stato attivato un sito internet dedicato a cui rimandiamo i lettori interessati ad approfondire.


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here