Split Payment dal 1° luglio significa che da quella data, a saldo delle fatture, le stazioni appaltanti non riconoscono più l’Iva a costruttori e progettisti (e fornitori) ma devono versarla direttamente allo Stato. Nel recinto dello Split Payment finiscono anche gli ordini professionali. Si tratta di lavori per almeno altri 9 miliardi all’anno.

Lo Split Payment funziona dal 2015 per Comuni, Province e Regioni. Di nuovo c’è che la Manovrina di primavera ha prorogato la misura fino al 2020 compreso e ha allargato l’elenco di soggetti obbligati a versare l’Iva direttamente allo Stato ai progettisti, per la lotta all’evasione fiscale, in particolare la microevasione. Tra il 2015 e il 2016 lo Split Payment avrebbe permesso di recuperare 3,5 miliardi. La finalità e senz’altro una buona intenzione, ma bisogna trovare un modo per azzerare gli effetti negativi.

Split Payment: le conseguenze sui progettisti

Lo Split Payment si applicherà a imprese che hanno marginalità molto basse e saranno costrette ad anticipare l’Iva, aspettando il rimborso. Ma il rimborso ha tempi medi di 8-12 mesi. Se funzionasse il meccanismo dei rimborsi, gli effetti dello Split Payment non sarebbero così pesanti. Sarà l’Agenzia delle Entrate a rimborsare l’Iva con i propri fondi e l’obiettivo sarebbe di limitare i tempi di rimborso a tre mesi. “Sarebbe”, appunto: spesso i tempi lievitano a sei mesi o un anno. La situazione rischia di diventare ancora più critica di quanto già non sia: molti costruttori sono stati costretti a chiedere finanziamenti alle banche… per poter pagare l’Iva.

Quando i progettisti e le imprese dovranno pagare i fornitori e i materiali dovranno versare il costo più l’Iva (22%). Quando si tratterà di essere pagati per il progetto per cui servizi o materiali sono stati acquistati, riceveranno il costo sottratto del 22%. Su un fatturato di cinque milioni, per esempio, almeno un milione se ne va in costi Iva.

Leggi anche Split payment, la solita Manovrina sulle spalle dei liberi professionisti


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here