Gli amministratori di condominio dovranno iscriversi ad un Registro istituito presso il ministero della Giustizia, è quanto prevede l’Ordine del Giorno N. G/2853/36/5 proposto da ANAIP (Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari Professionisti) e accolto dal Governo in sede di esame della Manovrina al Senato. Obiettivo è quello di contrastare l’evasione fiscale da parte di coloro che si improvvisano amministratori di condominio.

L’impegno del Governo

Il Governo si impegnerà quindi sui seguenti punti:

  • al fine di arginare il fenomeno dell’evasione fiscale nel settore della gestione condominiale e dell’esercizio abusivo dell’attività, a valutare la possibilità di emanare in tempi brevi un apposito Decreto Ministeriale demandando al Ministero della Giustizia l’attuazione di un Regolamento che preveda l’obbligo per tutti coloro che svolgono l’attività di amministratore di condominio, anche se solo del condominio in cui sono residenti, ad iscriversi ai meri fini pubblicistici e a loro spese, in un apposito Registro tenuto presso il Ministero della Giustizia. Tale Registro dovrà contenere i dati anagrafici di ogni amministratore, l’eventuale nominativo dell’Associazione di categoria alla quale è iscritto, i dati relativi al regime fiscale con il quale opera, oltre a riportare annualmente i riferimenti dell’Associazione di Categoria del settore o l’Ente presso il quale ha frequentato il corso di aggiornamento professionale obbligatorio, con il superamento del relativo esame, svolto ai sensi del D.M. 140/2014;
  • a valutare la possibilità di prevedere all’articolo 71-bis delle disposizioni d’attuazione del Codice civile, l’immediata revoca dell’amministratore non solo se in mancanza dei requisiti previsti dal presente articolo, ma anche se svolge l’attività senza essere iscritto nel Registro di cui sopra, prevedendo l’applicazione di sanzioni amministrative di notevole entità;
  • a valutare la possibilità di adottare misure volte a precisare che la cancellazione dal Registro degli amministratori condominiali ed immobiliari, tenuto presso il Ministero della Giustizia, può essere richiesta solo in caso di cessazione dell’attività e con apposita comunicazione inviata contemporaneamente al Ministero della Giustizia ed all’Agenzia dell’Entrate che detiene tutti i riferimenti dei codici fiscali dei condomìni e ai quali deve essere abbinato, già allo stato attuale, il nominativo dell’amministratore di condominio in carica.
Manutenzione e responsabilità in Condominio

Manutenzione e responsabilità in Condominio

Giuseppe Bordolli, 2017, Maggioli Editore

Il legislatore del 1942 aveva compreso l’importanza della manutenzione in ambito condominiale.Del resto quanto sopra è coerente con l’interesse dell’ordinamento a che ogni edificio riceva una sufficiente e costante manutenzione.L’art. 1123 c.c., commi 1 e 2,...



ANAIP soddisfatta…

Queste le dichiarazioni di Giovanni De Pasquale, Presidente Nazionale ANAIP (Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari Professionisti), a seguito dell’accoglimento da parte del Governo dell’Ordine del Giorno proposto dall’Associazione:“Sia chiaro non si parla di albo o di riconoscimento di altra natura della professione, ma di far chiarezza su chi sono realmente coloro che svolgono l’attività di amministratore, un mondo sommerso di improvvisati che occorre far emergere e che danneggia chi lavora correttamente e con professionalità. Ora auspichiamo che il Governo tramite il Ministero della Giustizia proceda in questa direzione dando seguito all’impegno assunto con questo Ordine del Giorno.

Ad oggi sappiamo che ci sono circa 15 mila professionisti che nel 2015 hanno dichiarato con lo Studio di Settore di svolgere l’attività di amministratore e che sono quasi tutti iscritti alle Associazioni di categoria più rappresentative del settore, ma tutti gli altri chi sono? Come ANAIP, ad esempio, monitoriamo i nostri iscritti a partire dalla verifica del rispetto dei requisiti previsti dall’art. 71bis delle disposizioni d’attuazioni del codice civile e dell’aggiornamento professionale ai sensi del DM 140/2014. Solo obbligando, anche con la collaborazione delle Associazioni di Categoria, tutti coloro che vogliono svolgere tale attività a dichiararlo formalmente al Ministero della Giustizia – conclude il presidente degli Amministratori Immobiliari – si può evitare che i condomini si trovino a essere amministrati da coloro che non solo non posseggono alcun requisito previsto per legge, ma che molto spesso evadono anche il fisco evitando di dichiarare il compenso che percepiscono come onorario. Naturalmente nella nostra proposta è previsto che anche l’amministratore/condomino risponda a tutti i requisiti previsti per legge”.

Leggi anche Vendicarsi sull’Amministratore bugiardo si può. Modalità e limiti d’azione

…ANAMMI un po’ meno

Di tutt’altro parere, invece l’ANAMMI (Associazione Nazional-europea AMMinistratori d’Immobili) che attraverso le parole del proprio presidente Giuseppe Bica, esprime le proprie perplessità: “Condividiamo la preoccupazione per il sommerso fiscale nel nostro settore. Inoltre, chiediamo da tempo maggiori controlli sulla formazione periodica. Quello che non ci convince è la soluzione proposta che, a nostro giudizio, lascerà inalterati i problemi. Il fine pubblicistico del registro non premia il ruolo svolto dalle Associazioni in questi anni a favore della qualificazione della categoria, non fornisce garanzie ai nostri utenti finali, che sono i condòmini, né tantomeno al professionista contro la concorrenza sleale di chi non rispetta le regole. Non si colpirebbe il fenomeno dei corsi-truffa e la vendita di finti certificati, ottenuti on-line dietro pagamento.

Anche le famose 15 ore di aggiornamento professionale obbligatorio sono spesso soltanto sulla carta e tali, anche con il registro, rimarrebbero. Poiché l’iscrizione sarebbe obbligatoria tutti i professionisti, pur di lavorare, sarebbero costretti a versare il contributo in modo da essere presenti nel registro. Una norma del genere si trasformerebbe così in un balzello a carico dei professionisti, che ricadrebbe poi sui condòmini, senza però combattere l’evasione”.


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here