Sono molte le novità entrate con i nuovi emendamenti nella Manovrina di primavera, passata in Commissione Bilancio alla Camera e che oggi dovrebbe ricevere l’ok. Contiene emendamenti sull’Ecobonus e sul Sismabonus. Poi, altre novità sul bonus alberghi e sull’edilizia scolastica. E lo Split Payment anche per i Progettisti. Vediamole tutte un po’ più in dettaglio. Scarica il testo del Decreto 50/2017 modificato dalla Camera.

Manovrina: le tempistiche di approvazione. Ricordiamo che ieri alle 17.30 c’è stato il voto di fiducia alla Camera. Il voto finale sulla Manovrina è appunto previsto per oggi. Il decreto dovrà poi poi passare all’esame del Senato, la prossima settimana sarà all’attenzione delle commissioni Affari costituzionali e Bilancio, e in Aula nella settimana del 13 giugno.

Ecobonus: incapienti e cessione dei crediti alle banche

Articolo 4 bis. Chi ha un basso reddito (gli incapienti) potrà cedere il credito fiscale del 65% direttamente alle banche, incassando subito per lo meno gran parte del denaro. In questo modo si possono sbloccare le grandi operazioni sulle parti comuni dei condomini. Riguarderà i contribuenti con reddito lordo annuo fino a 8mila euro. Il Sismabonus rimane escluso dalla cessione.

Manovrina e Sismabonus

Articolo 46 quater. La norma rimendia allo scarso impatto del Sismabonus sulle operazioni più rilevanti. L’emendamento, però, si applica solo alle zone ad elevato rischio sismico (zone 1), dove le imprese potranno effettuare la messa in sicurezza degli edifici mediante demolizione e ricostruzione, per ridurne il rischio sismico. Interventi che potranno essere anche combinati con i piani casa regionali, se questi prevedono la possibilità di variare il volume.

Leggi anche Sismabonus per demolizioni e ricostruzioni, approvato l’emendamento: un emendamento della Manovrina estende il Sismabonus dando il via libera alla detrazione per l’acquisto di abitazioni demolite e ricostruite nelle zone a rischio sismico 1.

Inoltre, entro diciotto mesi dalla conclusione dei lavori, i costruttori potranno vendere gli immobili e cedere le detrazioni di imposta agli acquirenti.

Le detrazioni avranno le aliquote riprese dagli sconti per le parti comuni degli edifici condominiali. In caso di salto di una sola classe lo sconto sarà del 75 per cento, mentre per il doppio salto si sale all’85 per cento. Il tetto massimo di spesa è di 96mila euro.

Le altre novità della Manovrina in edilizia

Manovrina e Bonus alberghi

Articolo 12 bis. Il bonus alberghi del 65%, con tetto massimo a 200mila euro, allarga il suo raggio d’azione: sarà riconosciuto anche per le spese per l’acquisto di mobili e componenti d’arredo, a patto che “il beneficiario non ceda a terzi né destini a finalità estranee all’esercizio di impresa i beni oggetto degli investimenti prima dell’ottavo periodo d’imposta successivo”.

Manovrina: spazio all’Edilizia scolastica

Articolo 25. Per il finanziamento degli interventi in edilizia scolastica viene autorizzata la spesa di 15 milioni di euro per il 2017 nelle province e nelle città metropolitane.

Resta l’estensione dello split payment ai professionisti. Leggi anche Manovrina 2017: lo Split payment spremerà i professionisti dal 1° luglio

Le detrazioni fiscali sulla casa 2017

Le detrazioni fiscali sulla casa 2017

Fabio Fusano, 2017, Maggioli Editore

Nuova edizione 2017 aggiornata e ampliata della Guida in formato ebook,, che si propone di fornire risposte esaurienti, specifiche e risolutive sul tema delle agevolazioni fiscali in edilizia. La prima parte è dedicata all’Ecobonus con un’analisi sull’incentivo fiscale...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here