Consumo di suolo, via libera del CdM al disegno di legge

“A meno di clamorose accelerazioni da qui a febbraio 2018, è molto probabile che l’attuale legislatura si chiuda senza l’approvazione definitiva del disegno di legge per il contenimento del consumo di suolo”. Lo ha dichiarato l’ing. Sandro Simoncini, docente di Urbanistica e Legislazione Ambientale all’Università La Sapienza di Roma e Presidente di Sogeea, nel suo intervento pubblicato su Monitorimmobiliare.

Infatti, a un anno dall’approvazione del provvedimento alla Camera, l’iter del disegno di legge sul consumo di suolo si è fermato per la mancanza di accordo tra Senato e Regioni, inoltre, precisa Simoncini:“negli ultimi due mesi, l’attività delle commissioni Ambiente e Agricoltura sul tema è stata trascurabile, anche a fronte di una risoluzione da parte degli enti territoriali che lascia poche speranze sulla possibilità di trovare una via d’uscita”.

Leggi anche Consumo di Suolo in Senato, ecco cosa non va: definizioni, regime transitorio, rigenerazione urbana

Un provvedimento invasivo

“A parte banali convergenze su premesse e dichiarazioni di principio, la critica al testo in esame da parte delle Regioni è radicale: innanzitutto viene messa in dubbio la stessa legittimità del Parlamento a legiferare sulla materia, soprattutto se tale intervento non si limita alla stesura di una legge-quadro che preveda deleghe ampie e capaci di tenere conto delle specificità locali” continua Simoncini “Il provvedimento uscito dalla Camera, tra le altre cose, viene considerato eccessivamente invasivo rispetto ai poteri regionali, assai carente riguardo a temi come la rigenerazione urbana o la tutela paesaggistica e potenzialmente dannoso per le possibili incompatibilità con gli attuali piani urbanistici dei singoli Comuni”.

Leggi anche Ddl Consumo di suolo, testo da rifare: deve promuovere la rigenerazione urbana

Il disegno di legge sul Consumo di Suolo si salverà?

Le commissioni del Senato hanno proposto un tavolo di confronto per sbloccare la situazione, ma, sostiene Simoncini “al momento è davvero difficile ipotizzare una svolta positiva. Segnali in tal senso non ne arrivano, anche perché, nel corso della legislatura, molte Regioni si sono dotate di una normativa ad hoc o stanno per farlo proprio in questi mesi. Il rischio è dunque quello di veder naufragare definitivamente un disegno di legge che, pur con tutti i suoi limiti e la sua ampia perfettibilità, avrebbe comunque incardinato il contrasto al consumo di suolo tra le priorità di medio termine nel nostro Paese”.


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here