general contractor

La professione del geometra ha saputo affrontare la crisi dell’edilizia modificando la tipologia di servizi offerti e adattandosi alle esigenze. Negli ultimi dieci anni i geometri hanno dimostrato capacità di adattamento alle nuove tecnologie e alle esigenze di una clientela composta non più solo dalla Pubblica amministrazione, ma anche dai condomini, dalle imprese e dai privati.

Questo il profilo dei geometri italiani tracciato da due ricerche dell’Università di Genova e del Future Concept Lab di Milano, presentate settimana scorsa durante “Valore geometra”, l’evento organizzato dal Consiglio nazionale geometri e geometri laureati, dalla Cassa italiana previdenza ed assistenza geometri liberi professionisti e dalla Fondazione geometri italiani.

Geometri: i motivi del successo

Capacità di adattamento, quindi. Per esempio, le pratiche per il catasto fabbricati sono scese dal 48,1 al 45,6%; le certificazioni energetiche, che richiedevano nuove competenze per i geometri, dal 2006 al 2016 sono quadruplicate. Crescono e si modificano le competenze del geometra, che diventa una figura polifunzionale molto orientata alla consulenza. Queste caratteristiche dovranno, in un futuro più immediato possibile, caratterizzare l’attività di tutti i professionisti, non solo dei geometri.

I fatturati realizzati, sempre superiori dal 2006 al 2014 al Pil pro capite italiano, dimostrano la capacità del geometra professionista di adeguarsi alla domanda e cercare il lavoro, di tenere il passo anche grazie al continuo aggiornamento. Il reddito medio dei geometri è risultato più elevato anche nel 2015 e il 60% degli intervistati per il 2016 ha dichiarato che il proprio reddito è superiore o uguale a quello dell’anno precedente. Un buon momento che riguarda anche i geometri under 35.

Cosa significa fare in geometra oggi e in futuro?

Per il 47,4% degli intervistati, oggi e in futuro fare il geometra vorrà dire essere un consulente a 360°, flessibile e polivalente, esperto in ambiti diversi e collegati tra loro.
Per il 27,7% il geometra dovrà essere un esperto del proprio territorio in grado di fornire anche un servizio alla comunità.
Per il 21,9% dovrà essere in grado di trovare soluzioni veloci, efficaci e precise.
Per il 3% sarà un esperto delle tematiche della sostenibilità.

L’età dei geometri

La maggioranza del campione è rappresentata dai geometri nella fascia di età compresa tra 35 e 54 anni (53,7%). Il 19,8% dei geometri nel campione ha tra 55 e 64 anni, mentre il 15,2% ha tra 26 e 34 anni. Il 6,3% è tra i 65 e i 74 anni, il 4,2% tra 21 e 25 anni e il restante 0,7% oltre i 75 anni.

GUIDA ALLA PROFESSIONE DI GEOMETRA

GUIDA ALLA PROFESSIONE DI GEOMETRA

Emilio Niglis De Lutiis, 2016, Maggioli Editore

Il manuale, utile supporto per la preparazione ottimale agli esami di Stato per l’abilitazione alla professione, è anche un utile strumento di consul- tazione per la pratica professionale, trattando le varie competenze del geometra sia dal punto di vista teorico che operativo. Tutti...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here