ricostruzione terremoto

A proposito di ricostruzione post terremoto, le richiesta dall’Autorità Anticorruzione (ANAC) e dalla Rete delle Professioni Tecniche (RTP) sul disegno di legge di conversione del Decreto Terremoto (DL 8/2017) sono diverse. La più importante è quella di ampliare la procedura negoziata a 10 progettisti invitati alla procedura negoziata per l’affidamento degli interventi di ricostruzione post terremoto e di affidare i lavori solo agli iscritti all’albo. Inoltre, vengono richiesti un rimborso e, per piccoli lavori, la rotazione tra progettisti degli incarichi. Il decreto è in audizione alla Commissione Ambiente della Camera.

Rotazione incarichi dei progettisti per la ricostruzione

È necessario, per incarichi sotto i 40 mila euro con affidamento diretto, prevedere una rotazione dei professionisti. “Tenuto conto dell’urgenza con la quale è necessario provvedere alle opere per la ricostruzione, è opportuno prevedere la possibilità di affidare gli incarichi di progettazione per importi inferiori alle soglie comunitarie (40 mila euro) con una procedura negoziata che comunque garantisca un seppur minimo confronto concorrenziale fra cinque professionisti iscritti nell’elenco speciale, valutando l’inserimento di un riferimento esplicito al rispetto del criterio di rotazione degli inviti”. Così Presidente dell’ANAC, Raffaele Cantone.

Leggi il nostro speciale sul Sismabonus

Sismabonus: gli incentivi

Aumentare il numero di progettisti

RTP sostiene che sia necessario aumentare il numero dei professionisti invitati alla procedura negoziata, passando da 5 a 10 progettisti.

Necessario un rimborso

Per i professionisti impegnati per almeno 10 giornate lavorative nelle zone colpite dal terremoto, è necessario inoltre prevedere un un rimborso di circa 90 euro al giorno per il mancato guadagno giornaliero.

Ricostruzione privata: no alle Società d’ingegneria

Sulle Società di ingegneria che possono intervenire nella progettazione di edifici privati, oltre che pubblici, la Rete ha ribadito le sue perplessità: ogni intervento normativo che apre il mercato privato alle società di ingegneria è rischioso per il semplice fatto che le Società non hanno gli stessi obblighi degli studi professionali e delle società tra professionisti.

Incarichi solo per Professionisti iscritti

Inoltre RTP, che ha espresso un parere generale favorevole riguardo al Decreto ma ha avanzato alcune critiche, chiede che gli incarichi possano essere affidati solo a professionisti iscritti all’albo professionale con comprovata esperienza in materia di prevenzione sismica. Il Decreto parla in generale di “esperti”.

Decreto terremoto - Procedura e modulistica per i lavori di somma urgenza

Decreto terremoto - Procedura e modulistica per i lavori di somma urgenza

Marco Agliata, 2016, Maggioli Editore

I recenti eventi sismici che hanno colpito l’Italia centrale hanno posto in evidenza la necessità di poter attuare,con la massima tempestività possibile, tutti quegli interventi indispensabili alla tutela dell’incolumitàdelle persone e alla messa in sicurezza del...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here