Si stanno svolgendo le elezioni per il rinnovo del nuovo Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, il più numeroso in Italia. Abbiamo intervistato l’Ingegner Luigi Rossi degli Ingegneri Romani, che concorre alle elezioni.

Ediltecnico. Se doveste riassumere in poche parole il vostro programma per il prossimo quadriennio, quale sarebbero le “parole chiave” con le quali lo descrivereste?
Luigi Rossi. Premetto che Ingegneri Romani concorre alle elezioni insieme al gruppo Intema, un sodalizio che nasce da una lunga amicizia e da una finalità di intenti condivisa.
Abbiamo deciso di creare una lista unitaria per affrontare al meglio la difficilissima situazione che attraversa la nostra professione.
Il nostro programma si fonda su questi capisaldi: più lavoro per gli ingegneri, corsi di formazione obbligatoria gratuita, tutela della categoria e dei suoi interessi, più partecipazione degli iscritti alle decisioni dell’Ordine, potenziamento dei servizi e maggiore trasparenza.

E. Potete dirci quali sono gli ambiti di intervento sui quali, nel caso di una vostra vittoria, concentrereste i vostri sforzi nei primi 100 giorni?
LR. Ci concentreremo sull’organizzazione capillare della formazione, che diverrà gratuita, sul territorio cittadino e provinciale, sui contatti presso gli organismi di tutela degli interessi dei lavoratori, contatti protesi alla difesa degli interessi della categoria, sui rapporti con i soggetti entro cui operano gli ingegneri, sul potenziamento dei servizi dell’Ordine, sulla razionalizzazione delle Commissioni e sulla riorganizzazione delle sue strutture in funzione di un rendimento migliore della nostra Istituzione.

E. Parlando a livello generale, gli ingegneri spesso lamentano una “distanza” tra le esigenze degli iscritti e gli Ordini, considerati sordi alle concrete necessità dei professionisti. Qual è la vostra idea di Ordine?
LR. Apriremo letteralmente le porte dell’Ordine di Roma per ascoltare gli iscritti e le loro esigenze. Questa è la base sulla quale vogliamo costruire un’istituzione finalmente in grado di soddisfare i bisogni della categoria.
Daremo immediatamente vita all’assemblea degli iscritti che nel nostro programma abbiamo denominato “Agorà”. La sua funzione sarà coinvolgere direttamente gli ingegneri nel processo decisionale dell’Ordine. Non si tratta di proporre idee ed azioni che saranno poste all’attenzione del Consiglio; sarebbe un film già visto. Ciò che verrà deciso dall’Agorà sarà immediatamente fatto proprio dal Consiglio che si impegnerà a renderlo esecutivo senza porre alcun filtro tra decisione e azione operativa.
Il nostro modo di pensare all’Ordine, la casa comune degli ingegneri è : “Moderno, Inclusivo, Trasparente, Facciamo Ordine”.
Dai nostri siti www.ingegneriromani.itwww.intema.pro è possibile scaricare i programmi completi.


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here