Con il Correttivo al Nuovo Codice degli Appalti, l’utilizzo del decreto parametri per calcolare gli importi da porre a base delle gare di progettazione diventa obbligatorio. A questo proposito, Ingegneri e architetti hanno fatto decine di richieste al Governo, mai ascoltate.

Nella prima bozza del Correttivo al Nuovo Codice degli Appalti andata in Consiglio dei ministri viene finalmente sciolta la questione sui parametri obbligatori per i compensi dei professionisti che partecipano alle gare. Dopo l’abolizione delle tariffe prodotta nel 2012 dal governo Monti, la modifica del comma 8 dell’articolo 24 del Nuovo Codice finalmente ribadisce l’obbligatorietà della determinazione della base di gara attraverso i parametri del dm 143/2013, confermati poi con il dm 17 giugno 2016.

Dove eravamo rimasti? Leggi anche

Jobs Act autonomi, compensi: speranze per i parametri di riferimento

Parametri, Cosa cambia con il Correttivo

Obbligo parametri a base gara

Gli importi base per le gare di progettazione non potranno più essere calcolati a discrezione delle stazioni appaltanti, ma isognerà prendere a riferimento le tabelle del Dm 17 giugno 2016, che riprendono quelle inserite nel decreto 143/2013.

Chi si occupa della copertura finanziaria?

Inoltre, il rischio della mancata copertura finanziaria dell’opera dovrà essere sopportato dalla Pa e non potrà più essere scaricato sui professionisti. Non sono ammesse forme di sponsorizzazione al posto del corrispettivo: le parcelle dovranno essere interamente pagate dalla Pa.

Leggi anche Decreto Parametri obbligatorio: la parola di Architetti e ANAC

Le amministrazioni non potranno più mettere in subordine la corresponsione dei compensi per lo svolgimento della progettazione e delle attività tecnico amministrative connesse all’ottenimento del finanziamento dell’opera progettata.

In particolare il Consiglio Nazionale degli Ingegneri saluta con gioia definitiva consacrazione dell’obbligatorietà dei parametri per la determinazione del base d’asta, anche se, sottolinea, occorre stabilire anche definiti standard delle prestazioni professionali e mettere subito in allerta sul rischio della reintroduzione dell’appalto integrato, tra le novità del Correttivo.

La Direzione dei Lavori dopo il nuovo Codice degli Appalti

La Direzione dei Lavori dopo il nuovo Codice degli Appalti

Marco Agliata, 2016, Maggioli Editore

Questa nuova edizione del volume trova la sua ragione nella pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 19 aprile 2016 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (Nuovo codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture) e nelle prime indicazioni contenute nelle linee guida...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here