Home in evidenza Indennità di paternità: più tutele per Ingegneri e Architetti

Indennità di paternità: più tutele per Ingegneri e Architetti

483
indennità di paternità estensione inarcassa

Inarcassa ha deliberato un provvedimento, che è stato approvato in questi giorni dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali insieme al Ministero dell’Economia e delle Finanze, che estende le tutele rispetto alle norme vigenti sull’indennità di paternità.

Tutti gli Architetti e gli Ingegneri iscritti a Inarcassa, d’ora in poi, potranno quindi godere dell’indennità di paternità anche se la madre non lavora o non esercita la libera professione.

Leggi anche:
Indennità di paternità per lavoratori autonomi, si può fare domanda al posto della madre (e anche online)

Indennita di paternità: come funziona

Fino ad oggi l’indennità di paternità (prevista dal D.Lgs. n. 151/2001) veniva riconosciuta per la nascita del figlio, o per l’ingresso in famiglia di un minore adottato o affidato, nei casi di abbandono, morte o grave infermità della madre, purché anche lei fosse libera professionista.

Ora, invece, Inarcassa riconoscerà al professionista iscritto un’indennità anche quando la madre non sia libera professionista o lavoratrice, per il periodo in cui essa non ne abbia diritto, per i tre mesi successivi all’arrivo del minore in famiglia.

Giuseppe Santoro, presidente di Inarcasssa, soddisfatto afferma: “Sono molti anni che lavoriamo per un welfare integrato e per una Cassa sempre più a fianco degli iscritti. Il nostro è un percorso che mette in campo le migliori energie coniugate con le best practice più avanzate, per divenire un soggetto in grado di accompagnare gli iscritti durante tutto l’arco della vita”.

Potrebbe interessarti:

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità - II edizione

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità - II edizione

Questa seconda edizione è aggiornata con i contenuti e l'analisi della circolare dell'Agenzia delle Entrate 4 aprile 2016, n. 10/E (applicazione e disapplicazione del regime forfetario, caratteristiche, agevolazioni per chi inizia una nuova attività, sanzioni). Inoltre è stato aggiunto un capitolo con le istruzioni di compilazione del modello LM di UNICO per la dichiarazione dei redditi per i professionisti in regime dei minimi o in regime forfetario.

La guida in formato ebook che si concentra sulle novità del regime forfetario, introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 (legge 28 dicembre 2015, n. 208), in particolare riguardo il più elevato livello di compensi o ricavi per utilizzarlo, e l’aliquota per la tassazione separata ridotta al 5% per le nuove attività per i primi cinque anni di apertura della partita Iva. Di particolare rilievo anche la possibilità di optare per il versamento di contributi ridotti per chi esercita attività d’impresa ed è iscritto alla Gestione artigiani e commercianti dell’INPS.

La Guida effettua l'identikit del regime forfetario: le regole per l'accesso, la tassazione e l'avvio dell'attività. Passa poi ad analizzare il sistema previdenziale delle singole figure professionali, architetti, ingegneri, geometri, autonomi e professionisti senza Cassa , artigiani e imprese, la compilazione delle fatture e propone una lista completa delle verifiche da fare per valutare la convenienza a passare al nuovo regime quando si ha un'attività già avviata.

Completano l'ebook:
- i modelli per l'avvio dell'attività e l'iscrizione alle casse previdenziali,
- le formule per la corretta compilazione delle fatture
- 70 quesiti risolti per chiarire i dubbi più diffusi in materia.

Lisa De Simone, Esperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, seguendo in particolare il settore edilizio dal punto di vista fiscale,e le tematiche condominiali

L. De Simone, 2016, Maggioli Editore
9.90 € 8.42 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here