L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato nel provvedimento del 27 gennaio 2017 le istruzioni per la “Comunicazione all’anagrafe tributaria dei dati relativi agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali ai sensi dell’articolo 2 del decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 1° dicembre 2016”.

Clicca qui per sapere come compilare la Comunicazione

Scarica il Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate

Le Specifiche tecniche

Allegato ricevuta telematica

Quali interventi si possono inserire nella Comunicazione

Gli interventi che possono essere inseriti nella Comunicazione sono: di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali, nonché con riferimento all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo delle parti comuni dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Leggi anche Condominio: quali sono le parti comuni “atipiche”

Chi può fare la Comunicazione

Gli amministratori di condominio in carica al 31 dicembre dell’anno di riferimento.

Quali sono le modalità di trasmissione

Gli amministratori comunicano la tipologia e l’importo complessivo di ogni intervento, le quote di spesa attribuite ai singoli condòmini nell’ambito di ciascuna unità immobiliare.

Utilizzano il servizio telematico Entratel o Fisconline in relazione ai requisiti da essi posseduti per la trasmissione telematica delle dichiarazioni.

Al fine della trasmissione telematica devono essere utilizzati i prodotti software di controllo resi disponibili gratuitamente dall’Agenzia delle entrate.

Leggi anche L’elenco delle parti comuni dopo la Riforma del Condominio

Tre tipologie di invii

Gli invii possono essere ordinari, sostitutivi o di annullamento.

Invio ordinario: è la comunicazione con cui si inviano i dati richiesti. È possibile inviare più comunicazioni ordinarie per lo stesso periodo di riferimento. I dati inviati in ogni comunicazione ordinaria successiva alla prima sono considerati in aggiunta a quelli precedentemente comunicati.

Invio sostitutivo: è la comunicazione con la quale si opera la completa sostituzione di una comunicazione ordinaria o sostitutiva precedentemente inviata e acquisita con esito positivo dal sistema telematico.

Annullamento: è la comunicazione con cui si richiede l’annullamento di una
comunicazione ordinaria o sostitutiva precedentemente trasmessa e acquisita con esito
positivo dal sistema telematico.

L’annullamento di una comunicazione sostitutiva: determina la cancellazione di tutti i dati contenuti nella sostitutiva, senza ripristinare quelli della comunicazione sostituita.

Ti potrebbe interessare anche Riforma del Condominio, i sottotetti diventano parti comuni

Il Decreto del Ministero

Il provvedimento era richiesto dall’articolo 3 del decreto Mef 1 dicembre 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 dicembre 2016, n. 296, che definisce i “Termini e modalità per la trasmissione all’Agenzia delle entrate dei dati relativi ai  rimborsi delle spese universitarie e dei dati relativi alle spese per interventi di recupero del  patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici  residenziali ai fini della  elaborazione della dichiarazione precompilata”.

L’articolo 2 del decreto del Mef precisa che “Ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi da parte dell’Agenzia delle entrate, a partire dai dati relativi al 2016, gli amministratori di condominio trasmettono in via telematica all’Agenzia delle entrate.

Entro il 28 febbraio di ciascun anno, una comunicazione contenente i dati relativi alle spese sostenute nell’anno precedente dal condominio con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali, nonché con riferimento all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo delle parti comuni dell’immobile oggetto di ristrutturazione. Nella comunicazione devono essere indicate le quote di spesa imputate ai singoli condomini”.

Leggi tutto l’articolo sul decreto Mef 1 dicembre 2016 e sulla Ristrutturazione parti comuni condominio: nuova scadenza per l’invio dati.


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here