La detrazione Irpef del 50% dell’Iva pagata per l’acquisto (avvenuto l’anno scorso) di abitazioni in classe A o classe B non è stata prorogata dalla Legge di Bilancio per il 2017. La bozza di modello 730 per il nuovo anno, da poco messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, prevede però il bonus. Ci sono quindi speranze che il Governo intervenga nella direzione della proroga.

Clicca qui per scoprire le novità in edilizia dalla Manovra Finanziaria 2017

L’Ance ha fatto il punto sulle principali cose da sapere per non fare confusione, tendendo per buona la possibilità che la proroga dell’agevolazione sia ripresa e confermata dal Governo.

La detrazione 50% dell’Iva pagata per l’acquisto (avvenuto l’anno scorso) di abitazioni in classe A o classe B, secondo quanto indicato dalla legge di Stabilità 2016 (legge 208/2015), è fruibile in dieci quote annuali di pari importo.

Spiega l’Ance: “In base alla bozza del nuovo Modello 730/2017 le relative spese devono essere inserite nel rigo E59 della sezione III C relativa al quadro E (oneri e spese), come indicato anche dalle istruzioni alla compilazione”.

Leggi anche Tutte le detrazioni fiscali nel modello 730/2017

Allora l’Ance risponde ai seguenti interrogativi:

– Come indicare lo sconto nella dichiarazione dei redditi?
– Cosa fare per le pertinenze?
– Come gestire il cumulo con il 50% legato alle ristrutturazioni?

Le pertinenze rientrano nella detrazione?

Le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate dicono che la detrazione va calcolata considerando il 50% dell’Iva pagata sull’intero acquisto, mettendo insieme unità abitativa + pertinenza.

L’agevolazione può essere quindi applicata anche alle pertinenze dell’abitazione, ma se nell’atto di acquisto è stata data indicazione dell’esistenza di un vincolo pertinenziale.

Questo bonus è cumulabile con quello sulle ristrutturazioni?

Non è possibile far valere due agevolazioni sulla stessa spesa. Però:

L’Ance dice che “all’importo dell’Iva per la quale il contribuente abbia fruito della nuova detrazione, non può essere applicata l’agevolazione prevista per le spese sostenute per l’acquisto o l’assegnazione di immobili facenti parte di edifici ristrutturati o quella prevista per l’acquisto di box posti auto pertinenziali”.

Facciamo riferimento alla circolare 20/E/2016. La detrazione Irpef del 50% per l’acquisto dell’abitazione in classe energetica A o B opera sull’intero importo dell’Iva sull’acquisto, mentre il bonus per la ristrutturazione opera sul 25% del prezzo d’acquisto, ed è compresa solo dell’Iva rimasta effettivamente a carico del contribuente (il restante 50%). Lo stesso vale per la pertinenza acquistata insieme all’immobile ristrutturato.

Comunque, per le prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero edilizio, di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sugli immobili a prevalente destinazione abitativa privata, si applica l’aliquota Iva agevolata del 10%.

Leggi anche

Finanziaria 2017, accolto Bonus 50% per acquisto di una casa in Classe A o B


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here