Il BIM sarà obbligatorio dal 2019, ma solo per le opere del valore superiore i 100 milioni. Poi partirà una serie di scadenze progressive, e il sistema entrerà a pieno regime nel 2022, quando cioè il BIM diventerà obbligatorio per tutte le opere, a meno che nel frattempo non intervengano altre modifiche. Solo una precisazione occorre fare: i lavori semplici potranno essere effettuati con i metodi tradizionali. Per esempio, i palazzi residenziali senza particolari problematiche di sicurezza.

Le scelte, in effetti, per ora sono “provvisorie” ma emergono comunque questi dettagli, che non possono non essere valutati per lo meno come “interessanti”.

Il testo del “decreto BIM”

Il comma 13 dell’articolo 23 del Nuovo Codice Appalti stabilisce che un decreto del Ministero delle Infrastrutture dovrà fissare le modalità e i tempi di progressiva introduzione dell’obbligatorietà del BIM sia per le amministrazioni sia le imprese. Il percorso è da tracciare “in relazione alla tipologia delle opere da affidare” e alla strategia “di digitalizzazione delle amministrazioni pubbliche e del settore delle costruzioni”.

La Commissione Baratono

Per scrivere il testo del decreto, il ministro Delrio ha messo in piedi una commissione di esperti, guidata da Pietro Baratono, pioniere dell’utilizzo di questo sistema nella pubblica amministrazione italiana e provveditore alle Opere pubbliche di Lombardia e Emilia Romagna.

La commissione ha preso quindi il nome di Commissione Baratono è quella che ha il compito di scrivere il testo del calendario per l’utilizzo del Bim in Italia. Per la fine di febbraio il testo dovrebbe essere materialmente chiuso.

Leggi anche Nuovo Codice Appalti: il Correttivo in arrivo in Aprile

Il livello di formazione di tutti è ancora scarso. Non solo stazioni appaltanti ma anche imprese e professionisti non sono preparatissimi (anche se i professionisti già preparati ci sono, non vogliamo fare di tutta l’erba un fascio). Ecco perché non si può pensare di rendere obbligatorio da subito il BIM ed ecco perché, dovendo per forza di cose stabilire una regola generale, è utile un calendario impostato in tre momenti ben individuati.

Leggi anche BIM negli appalti pubblici, per i Comuni la gradualità è fondamentale

BIM: le fasi dell’introduzione dell’obbligo

Momento uno: 2019

Tra due anni, i tempi saranno maturi per l’obbligo per le grandissime opere, cioè sopra la soglia di 100 milioni. Non saranno molte, perché secondo secondo i dati del Cresme, nel 2016 sopra questo livello ci sono stati solo 26 bandi.

Momento due: 2019-2021

Gli obblighi si allargheranno ad altri soggetti, seguendo molto un criterio legato di complessità delle opere e non di valore: l’obbligo di usare il BIM ci sarà solo per le costruzioni strategiche, con particolari standard di sicurezza, perché utilizzate da molte persone.

Momento tre: 2022

Dal 2022 il sistema entrerà a pieno regime: per tutte le opere, tranne quelle che non richiedono particolari problematiche di sicurezza, come il residenziale, sarà obbligatorio l’utilizzo del BIM.

Ti potrebbe interessare BIM, le linee guida dell’ANCE: gradualità, monitoraggio, formazione

Una domanda

Un dubbio: a siamo sicuri che per il residenziale non serva progettare prestando molta attenzione alla sicurezza? Di sicuro sono opere meno complesse rispetto ad altre, ma è trascurando il fattore sicurezza che sono state progettate le case crollate con il terremoto ad Amatrice, in Emilia Romagna o a L’Aquila.

Il Building Information Modeling - BIM

Il Building Information Modeling - BIM

Mario Caputi - Paolo Odorizzi - Massimo Stefani, 2015, Maggioli Editore

La societ contemporanea sta vivendo una profonda trasformazione dovuta alla diffusione delle Tecnologie dellInformazione (IT) che stanno modificando radicalmente il modo di vivere, di lavorare, di produrre documenti e di scambiare informazioni. Anche lindustria dellambiente costruito ...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here