L’intervento di consolidamento delle fondazioni di un antico acquedotto romano, con l’utilizzo di micropali precaricati SYSTAB pressoinfissi.

Tipologia intervento

Micropali in acciaio precaricati SYSTAB diametro 114 mm, infissi a pressione mediante martinetti idraulici a contrasto con la struttura esistente.

Il problema

Si tratta di una struttura in sasso, risalente all’epoca romana, precisamente di un antico mulino ad acqua.
La struttura negli ultimi anni ha manifestato un progressivo dissesto con cedimenti legati alla mancata regimazione delle acque piovane e alla presenza di uno spessore di terreno scadente compreso tra i 4 ed i 7 metri dal piano di posa del manufatto.

Consolidamento delle fondazioni

Vista la problematica si è deciso di intervenire operando la stabilizzazione del manufatto mediante l’impiego di micropali che trasferissero il carico della struttura oltre l’orizzonte di alterazione e la copertura sciolta, fino a circa 6 metri di profondità. I Tecnici della Committenza hanno fin da subito cercato una soluzione di palificazione che comportasse i minori “traumi” possibili alla struttura, senza produrre vibrazioni e da eseguire in tempi molto rapidi. La scelta è caduta sui micropali precaricati in acciaio SYSTAB.

Immagine3

Vista l’assenza di idonee fondazioni in c.a. a cui ancorare i pali con il sistema di piastre standard, sono stati realizzati preventivamente dei plinti in cemento armato con predisposti al loro interno speciali tubi camicia ripresi nell’armatura dei plinti stessi.

A maturazione del getto avvenuta si è proceduto con l’infissione dei micropali mediante l’impiego di speciali martinetti idraulici con scarpa idonea ad essere vincolata al tubo camicia. Sono stati così infissi 4 pali per ogni colonna in pietra, per un totale di n. 48 pali in acciaio, diametro 114 mm e spessore 8 mm.

Immagine1

L’intervento ha richiesto circa 6 giorni lavorativi ed ha permesso di:
– controllare la portata raggiunta per ogni singolo palo
– installare i pali senza estrazione di terreno e senza impiego di fanghi
– avere totale assenza di vibrazioni durante le fasi di lavorazione
– precaricare immediatamente i pali scongiurando assestamenti e attivando immediatamente le sottofondazioni.

Lavoro eseguito da:
SYSTAB SRL
Committente: Pubblico
Per ulteriori informazioni www.systab.it – info@systab.it


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here