affitto casa

Inizio d’anno, periodo di cambiamenti. Per chi vuole fare un passo importante e trasferirsi, cambiando città o semplicemente cambiando casa, il dubbio spesso è questo: fare il mutuo o pagare l’affitto?

Leggi anche Vuoi aprire un Bed and Breakfast? Il mercato immobiliare è dalla tua parte

Una recente analisi (a cura dell’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa) sui contratti di locazione stipulati nel primo semestre 2016 sul territorio nazionale, evidenzia che nella maggioranza dei casi (61,3%) si opta per l’affitto per scelta abitativa.

Non solo per motivi di studio (solo il 3,9% del campione) o di lavoro (il 35% del campione) e quindi per cause, per così dire, “di forza maggiore”.

Nonostante quindi, come avevamo illustrato nell’articolo Mutuo o affitto? 3 motivi per cui è meglio il mutuo, il mutuo sembri convenire, soprattutto in questo periodo storico, molti continuano a preferire la soluzione dell’affitto.

Che i tempi stiano cambiando?

Motivo locazione - Tecnocasa

Il contratto di locazione più utilizzato rimane quello a canone libero da 4 anni più 4 (66,4%), da segnalare però un netto aumento della percentuale nella stipula di contratti a canone concordato da 3 anni più 2 (22,9% contro il 18% del 2015 ed il 13,9% del 2014).

Sempre dalla stessa ricerca emerge come il taglio di appartamento più richiesto in affitto sia il bilocale (40,5%), seguito dal trilocale (35,6%).


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here