Ci siamo. Lo scorso 22 dicembre 2016 la Conferenza Unificata Stato Regioni ha dato il proprio via libera al testo della bozza delle nuove NTC, la revisione delle norme tecniche per le costruzioni, licenziate nel novembre 2014 dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e per lungo tempo rimaste ferme nel cassetto del Ministero delle infrastrutture.

Per tutte le precedenti notizie sulle Norme Tecniche Costruzioni CLICCA QUI

Il parere positivo alle nuove NTC della Conferenza si accompagna ad alcuni rilievi e richieste di modifica del testo. In ogni caso, si legge nel parere: “la revisione delle norme primarie sulle costruzioni – DPR 380/2001, L. 64/1974 e L. 1086/1971 – non è più rinviabile poiché il modello di riferimento per la sicurezza delle costruzioni, risalente agli anni ’70, è inadeguato”.

A questo punto, prima della firma del decreto con il testo della revisione delle nuove norme tecniche per le costruzioni, da parte del Ministro Delrio, manca un solo passaggio: quello di informazione alla Commissione UE per il via libero definitivo.

Le osservazioni delle Regioni sulle nuove NTC 2017

Rimandando alla lettura del parere integrale (che potete scaricare qui sotto), emergono alcuni rilievi importanti che la Conferenza chiede al Governo di fare propri in quanto “fortemente raccomandati”.

frontespizio nuove NTC 2017 - Parere Conferenza Stato Regioni 22 dicembre 2016
Il frontespizio dell’intesa sullo schema di decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti recante: “testo aggiornato delle norme tecniche delle costruzioni” di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, ed al decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136 convertito dalla legge 27 luglio 2004, n. 186 (c.d. Nuove NTC 2017)

SCARICA IL TESTO INTEGRALE DEL PARERE DELLE REGIONI SULLE NUOVE NTC

L’inadeguatezza delle norme sulle costruzioni (i già citati DPR 380/2001, L. 64/1974 e L. 1086/1971) riguardano essenzialmente la loro obsolescenza rispetto alle norme tecniche per le costruzioni (NTC) e una conseguente “confusione di comportamenti non omogenei e non sostenibili”.

Altro limite delle norme esistenti, secondo la Conferenza Unificata Stato Regioni, riguarda la classificazione sismica del territorio ma anche il ritardo a uniformarsi all’evoluzione dei sistemi costruttivi, dei materiali strutturali e delle tecnologie di costruzione.

Leggi anche l’articolo Nuove NTC, il NO secco dei Geologi

Il tutto si inquadra in una sempre maggiore conoscenza del rischio sismico e della valutazione della sicurezza statica delle costruzioni.

Nel parere, le Regioni auspicano “la riduzione a una sola norma primaria valida per tutte le costruzioni in luogo delle tre attuali leggi citate”.

Nuove NTC: divisione chiara tra prescrizioni e indicazioni

Tra le indicazioni più importanti che emergono dal parere è la necessità di separare le indicazioni prestazionali, vincolanti, dalle indicazioni che costituiscono un modo, ma non l’unico, per garantire il raggiungimento delle prestazioni richieste.

Insomma, come già sono strutturati gli Eurocodici, dove tale suddivisione è già presente.

Ti potrebbe interessare leggere l’articolo di Nicola Mordà Revisione Nuove Norme Tecniche delle Costruzioni: libertà progettuale versus prescrizioni

Altro elemento di raccomandazione per il testo definitivo delle nuove NTC 2017 è quella di snellire in maniera radicale il testo, demandando a circolari e linee guida tutto quanto non sia essenziale.

In altri termini, le Regioni vorrebbero che tutti i capitoli delle nuove norme tecniche vengano strutturati sul modello del capitolo 8 relativo alle costruzioni esistenti.

Infine, si fa presente che è anacronistico che esista un capitolo a parte dedicato alle azioni sismiche (l’attuale capitolo 7). Il motivo? La norma vale su tutto il territorio nazionale e le zone sismiche non hanno più alcuna rilevanza al fine di definire le azioni.

Per la Conferenza “sarebbe più chiaro che le prestazioni richieste in presenza di azioni sismiche fossero contenute nel capitolo 3, se di carattere generale, e nei capitoli 4, 5, 6 e 8 se relative a particolari tipologie di costruzioni.

Il fascicolo del fabbricato nelle NTC

Novità importante è anche la richiesta da parte della Conferenza che, nel contesto della revisione delle nuove NTC 2017, venga prevista l’obbligatorietà dell’istituzione del fascicolo del fabbricato, quale strumento fondamentale per il monitoraggio del patrimonio edilizio esistente.

Leggi anche Fascicolo del fabbricato, ci saranno incentivi per renderlo obbligatorio?

Nel merito, la proposta della Conferenza è di rendere obbligatoria la redazione del fascicolo del fabbricato per tre casi specifici:

  1. Tutte le nuove costruzioni
  2. Le costruzioni sottoposte a interventi di manutenzione straordinaria
  3. Edifici pubblici e scuole

Obbligo di formazione degli operatori (progettisti, direttore lavori e tecnici controllori)

Il parere della Conferenza contiene la raccomandazione che l’attività di formazione e aggiornamento dei tecnici del settore pubblico e privato non sia inserito all’interno delle nuove NTC ma che l’obbligo della formazione permanente sia inserito all’interno del DPR 380/2001 con eventuali rinvii anche ad altre norme più specifiche di altri settori.


1 COMMENTO

  1. Finalmente abbiamo una nuova Norma delle costruzioni che ne disciplina sia le modalità costruttive che l’uso sulla base delle Prestazioni richieste. Sarebbe opportuno che trattandosi della tutela della sicurezza ed incolumità pubblica e privata ci fossero organismi specificatamente preposti alla progettazione consapevole e garantita dell’edilizia in genere le cui prestazioni oltre che di sicurezza, energetiche e sanitarie investano la qualità dell’abitare spesse volte sacrificata dal criterio economico ed immolando colpevolmente l’edilizia pubblica. Soprattutto occorre un processo generalizzato di riqualificazione del costruito (specie nel Sud del paese) ove più spesso si è costruito senza regole e senza criterio, abusivamente. Di questo deve farsi carico il Governo del Paese assumendolo come impegno primario sia come servizio necessario per i cittadini sia come rilancio dell’economia………..

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here