Home Edilizia Terremoto, le regole dell’Albo Unico dei Professionisti addetti alla ricostruzione

Terremoto, le regole dell’Albo Unico dei Professionisti addetti alla ricostruzione

2803

Nella stessa giornata il cui la Camera ha approvato la conversione in legge del primo decreto sul terremoto d.lgs. 189/2016, è stata trovata l’intesa sui criteri per l’iscrizione all’Albo Unico dei professionisti che partecipano alla ricostruzione e sulle clausole del contratto tra progettista e committente. I criteri sono i seguenti:

non c’è un tetto per la cumulabilità degli incarichi dei progettisti per la ricostruzione nel Centro Italia;

– c’è solo una forma di autoregolamentazione;

– ci saranno inoltre clausole specificate nel contratto di appalto: si tratta di tutti gli aspetti che tutelano il committente privato e che devono essere specificati nello schema di contratto di appalto di servizi che verrà sottoscritto tra cliente e progettista;

– il rispetto delle clausole sarà obbligatorio;

– lo schema di contratto tra professionista e committente deve prevedere che, se il progettista non rispetta la scadenza concordata, il committente può recedere dal contratto, senza oneri.

Ti potrebbe interessare anche:

Decreto terremoto - Procedura e modulistica per i lavori di somma urgenza

Decreto terremoto - Procedura e modulistica per i lavori di somma urgenza

Marco Agliata, 2016, Maggioli Editore

I recenti eventi sismici che hanno colpito l’Italia centrale hanno posto in evidenza la necessità di poter attuare, con la massima tempestività possibile, tutti quegli interventi indispensabili alla tutela dell’incolumità delle persone e alla messa in...



Il comma 7 dell’articolo 34 del decreto 189/2016 pone l’obiettivo di evitare la concentrazioni di incarichi (come è successo in Emilia e a l’Aquila), per gli interventi di ricostruzione privata, che non trovano giustificazione in ragioni di organizzazione tecnico-professionale.

Insomma, i progettisti non devono impossessarsi di incarichi che poi non riescono a svolgere in tempi ragionevoli.

Le motivazioni dell’autoregolazione

Imporre un numero massimo di incarichi allo studio professionale sembrava la soluzione migliore. Ma significa anche porre un limite alla libera attività professionale, e questo potrebbe non rispettare i principi della libera concorrenza, che vengono d’altra parte tutelati dalle norme europee. Per questo non è facile giostrarsi tra normativa nazionale e normativa comunitaria. Da qui la scelta dell’autoregolamentazione dei professionisti nell’accettare gli incarichi.

È stato convertito in legge il primo decreto terremoto, n. 189/2016, per il sisma del 24 agosto.

Leggi: È legge il primo Decreto Terremoto: il testo e i contenuti

Chi ha deciso le clausole

L’articolo 34 del decreto legge 189 attribuisce al commissario (Errani) il compito di definire criteri generali e requisiti minimi per l’iscrizione dei professionisti nell’elenco e di utilizzare un “avviso pubblico” in modo che i professionisti interessati possano chiedere l’iscrizione nell’elenco.

Le clausole sono state infatti decise dalla cosiddetta cabina di coordinamento: il commissario alla ricostruzione Vasco Errani e i quattro presidenti di Regione: Catiuscia Marini (Umbria), Nicola Zingaretti (Lazio), Luca Ceriscioli (Marche) e Luciano D’Alfonzo (Abruzzo).


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here