Aggiornamento di agosto 2017: La legge sulle Ferrovie turistiche è stata approvata dalla Commissione lavori pubblici del Senato, anche questa volta all’unanimità. La nuova legge mira a salvaguardare e valorizzare le tratte ferroviarie dismesse o sospese di particolare pregio culturale, paesaggistico e turistico, insieme alle relative stazioni, opere d’arte e pertinenze. In sede di prima applicazione, la legge individua le seguenti tratte ferroviarie ad uso turistico:

  • Sulmona-Castel di Sangro;
  • Cosenza-San Giovanni in Fiore;
  • Avellino-Lioni-Rocchetta Sant’Antonio;
  • Sacile-Gemona;
  • Palazzolo-Paratico;
  • Castel di Sangro-Carpinone;
  • Ceva-Ormea;
  • Mandas-Arbatax;
  • Isili-Sorgono;
  • Sassari-Palau Marina
  • Macomer-Bosa;
  • Alcantara-Randazzo;
  • Castelvetrano-Porto Palo di Menfi;
  • Agrigento Bassa-Porto Empedocle;
  • Noto-Pachino;
  • Asciano-Monte Antico;
  • Civitavecchia-Capranica-Orte;
  • Fano-Urbino.

Dario Franceschini si dice molto soddisfatto: “L’approvazione all’unanimità della legge sulle ferrovie turistiche è un’ottima notizia. È importante che su un tema come questo tutte le forze politiche si siano unite. (…) Nel nostro Paese esistono centinaia di chilometri di linee ferroviarie straordinarie, che percorrono paesaggi incredibili e non sono adeguatamente utilizzate. Con questa legge possiamo intervenire con successo e rafforzare quel turismo sostenibile e di qualità di cui l’Italia ha bisogno e che è centrale nel Piano strategico del Turismo”.

***

26 gennaio 2017: La Camera dei Deputati ha approvato (all’unanimità) il disegno di legge C. 1178, presentato nel giugno 2013, “Disposizioni per l’istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico”. Il ddl passa quindi all’esame del Senato.

Avevamo parlato anche di stazioni ferroviarie abbandonate: metterle in comodato d’uso gratuito a disposizione dallo Stato per aprire attività turistico ricettive o per altre iniziative imprenditoriali era un sogno? No, è una realtà. Ecco come fare domanda.

Ferrovie abbandonate diventano turistiche: come?

Può rappresentare uno strumento necessario alla costruzione di nuove prospettive legate al turismo culturale e ferroviario che nel resto d’Europa funzionano già da anni.

Si potranno organizzare, in collaborazione con i comuni, si potranno trasportare visitatori nel territorio con treni storici e turistici. È un modo per far conoscere loro paesaggio, tradizioni storiche e culinarie.

Il disegno di legge prevede di:

1) salvaguardare i tracciati ferroviari in disuso e che attraversano luoghi di particolare interesse dal punto di vista culturale, naturalistico e turistico;

2) tutelare il patrimonio architettonico e di tutte le opere d’arte che fanno parte di queste linee ferroviarie (stazioni, magazzini, caselli, ponti, gallerie, infrastrutture realizzate al tempo della costruzione con espropri di terreni per pubblica utilità) e la conseguente inalienabilità;

3) istituire ferrovie turistiche da gestire con la collaborazione delle realtà associative operanti nel territorio e che hanno, o hanno avuto, contratti di comodato o convenzioni con le società del gruppo Ferrovie dello Stato italiane Spa per la salvaguardia e il recupero dell’infrastruttura ferroviaria, all’organizzazione di treni straordinari a carattere turistico.

A settembre era stato approvato all’unanimità il Disegno di Legge sui Piccoli Comuni, che prevede la predisposizione di un piano nazionale per la loro riqualificazione.

 


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here