Home in evidenza Detrazione 50% per Professionisti sulle spese per la casa studio

Detrazione 50% per Professionisti sulle spese per la casa studio

5402

I Professionisti acquistano con la partita Iva molti servizi e utenze per immobili adibiti a doppia funzione casa studio, cioè utilizzati sia per l’attività economica sia per motivi personali, e spesso possono “recuperare” le spese con una detrazione 50% sui costi e l’Iva.

Vediamo cosa possono recuperare.

Professionisti: Detrazione 50% dei costi di locazione

I costi di locazione delle abitazioni e degli uffici utilizzate promiscuamente per l’esercizio della professione e per uso personale o familiare, sono deducibili dal reddito d’impresa o di lavoro autonomo per il 50% del canone.

Se il Professionista è proprietario di un altro immobile adibito solo all’esercizio dell’attività professionale (articoli 54 e 64, Tuir) nello stesso Comune, l’eventuale Iva sulla locazione non può essere detratta, neanche al 50% (articolo 19-bis1, comma 1, lettera i, Dpr 633/72).

 

Leggi anche

Indennità di paternità per lavoratori autonomi, si può fare domanda al posto della madre

Detrazione 50% delle utenze

I professionisti possono dedurre al 50% le spese per i servizi relativi agli immobili utilizzati come abitazione e  ufficio, a prescindere dai metri quadri effettivamente utilizzati, sempre alla stessa condizione: che non dispongano nello stesso Comune di un altro immobile adibito solo all’esercizio della professione (articolo 54, comma 3, Tuir).

Un metodo di ripartizione tra parte professionale e parte privata dell’immobile può essere basato sui metri quadri o cubi, ripartizione utilizzabile, per esempio, per capire come procedere per la detrazione delle spese di acqua, energia elettrica e gas per il riscaldamento a pavimento, spese condominiali e di pulizia.

Detrazione 50% dell’Iva

Per determinare la quota che non si può detrarre relativa ai beni e servizi in parte usati da privato vanno applicati «criteri oggettivi, coerenti con la natura dei beni e servizi acquistati» (articolo 19, comma 4, Dpr 633/72).

Stessa regola per il trattamento Iva delle utenze delle abitazioni, perché sono scollegate al tipo di immobile a cui si riferiscono: non vale l’indetraibilità oggettiva dell’articolo 19-bis1, comma 1, lettera i), Dpr 633/72.

Se l’immobile (anche quello abitativo) è a uso promiscuo, per la ripartizione delle spese un “criterio oggettivo e coerente può essere costituito dalla cubatura dei rispettivi locali” (circolare 24 dicembre 2007, n. 328, paragrafo 3.2).

Ti potrebbe interessare anche:

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità - II edizione

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità - II edizione

Questa seconda edizione è aggiornata con i contenuti e l'analisi della circolare dell'Agenzia delle Entrate 4 aprile 2016, n. 10/E (applicazione e disapplicazione del regime forfetario, caratteristiche, agevolazioni per chi inizia una nuova attività, sanzioni). Inoltre è stato aggiunto un capitolo con le istruzioni di compilazione del modello LM di UNICO per la dichiarazione dei redditi per i professionisti in regime dei minimi o in regime forfetario.

La guida in formato ebook che si concentra sulle novità del regime forfetario, introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 (legge 28 dicembre 2015, n. 208), in particolare riguardo il più elevato livello di compensi o ricavi per utilizzarlo, e l’aliquota per la tassazione separata ridotta al 5% per le nuove attività per i primi cinque anni di apertura della partita Iva. Di particolare rilievo anche la possibilità di optare per il versamento di contributi ridotti per chi esercita attività d’impresa ed è iscritto alla Gestione artigiani e commercianti dell’INPS.

La Guida effettua l'identikit del regime forfetario: le regole per l'accesso, la tassazione e l'avvio dell'attività. Passa poi ad analizzare il sistema previdenziale delle singole figure professionali, architetti, ingegneri, geometri, autonomi e professionisti senza Cassa , artigiani e imprese, la compilazione delle fatture e propone una lista completa delle verifiche da fare per valutare la convenienza a passare al nuovo regime quando si ha un'attività già avviata.

Completano l'ebook:
- i modelli per l'avvio dell'attività e l'iscrizione alle casse previdenziali,
- le formule per la corretta compilazione delle fatture
- 70 quesiti risolti per chiarire i dubbi più diffusi in materia.

Lisa De Simone, Esperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, seguendo in particolare il settore edilizio dal punto di vista fiscale,e le tematiche condominiali

L. De Simone, 2016, Maggioli Editore
9.90 € 8.42 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here