Home Ambiente Riforma Madia, Autorizzazione paesaggistica semplificata: ecco il testo del decreto

Riforma Madia, Autorizzazione paesaggistica semplificata: ecco il testo del decreto

6580
Autorizzazione paesaggistica semplificata: ecco il testo del decreto

Per i lettori di Ediltecnico, ecco il testo della bozza di decreto (che prenderà la forma di decreto del Presidente della Repubblica) sull’ autorizzazione paesaggistica semplificata. Il decreto elenca sia gli interventi per i quali non si richiede il rilascio dell’autorizzazione, sia quelli per cui si può procedere a un iter semplificato. Ricordiamo che questo decreto (non ancora in vigore) è stato approvato in via preliminare il 15 giugno scorso dal Consiglio dei Ministri insieme ai due decreti attuativi della Riforma Madia: quello sulla SCIA (già pubblicato in Gazzetta Ufficiale) e quello sulla SCIA 2 (in attesa di pubblicazione).

SCARICA IL DECRETO AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA SEMPLIFICATA
(bozza non ancora in vigore)

La norma contiene il regolamento di attuazione dell’articolo 12 del decreto legge n. 83/2014 (il c.d. Decreto Art Bonus), che prevedeva entro 6 mesi l’emanazione di disposizioni volte ad “ampliare e precisare le ipotesi di interventi di lieve entità, nonché allo scopo di operare ulteriori semplificazioni procedimentali” in materia di beni culturali e paesaggistici.

Come detto, il decreto individua un elenco di opere che non richiedono il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica (contenuto nell’allegato A del decreto) e un elenco di interventi di lieve entità soggetti a un procedimento autorizzatorio semplificato (contenuto nell’allegato B del decreto).

Tra le prime citiamo, a titolo d’esempio, le opere interne che non alterano l’aspetto esteriore degli edifici. Tra le seconde, gli aumenti di volumetria fino al 10% e comunque non superiori ai 100 metri cubi.

Semplificazioni anche per i rinnovi

All’articolo 7 del decreto si stabilisce che “oltre agli interventi di lieve entità indicati nell’elenco contenuto nell’allegato B” sono soggette a procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica anche “le istanze di rinnovo di autorizzazioni paesaggistiche , scadute da più di un anno e relative a interventi in tutto o in parte eseguiti, a condizione che il progetto risulti conforme a quanto in precedenza autorizzato e alle specifiche prescrizioni di tutela eventualmente sopravvenute”.

Se invece, con l’istanza di rinnovo si presentano anche delle varianti al progetto originario “di non lieve entità”, l’iter autorizzatorio da seguire rimane quello ordinario.

Autorizzazione semplificata: anche online

L’articolo 8 del decreto prevede inoltre che l’istanza di autorizzazione paesaggistica semplificata può essere compilata anche in modalità telematica, secondo il modello contenuto dell’allegato C. La domanda di rilascio deve essere corredata da una relazione paesaggistica semplificata redatta da un tecnico abilitato.

Nella relazione (il cui schema è contenuto nell’allegato D) vanno indicati:
– i contenuti precettivi della disciplina paesaggistica vigente nell’area;
– la descrizione dello stato attuale dell’area interessata all’intervento;
– l’attestazione di conformità del progetto alle specifiche prescrizioni relative al paesaggio (se pertinente);
– la descrizione della compatibilità del progetto ai valori paesaggistici dell’area;
– l’indicazione delle eventuali misure di inserimento paesaggistico previste.

Ti potrebbe interessare

La disciplina edilizia e paesaggistica dopo il c.d Madia SCIA 2 e il d.P.R. 31/2017

La disciplina edilizia e paesaggistica dopo il c.d Madia SCIA 2 e il d.P.R. 31/2017

Interpretare e padroneggiare la disciplina edilizia, urbanistica e ambientale è diventato un lavoro dif- ficile e “pericoloso”. Non basta, infatti, possedere le giuste cognizioni tecniche e adottare quella che il codice civile chiama la cura “del buon padre di famiglia”, occorre conoscere nel dettaglio anche la normativa e le formalità che le stesse richiedono. Questo tipo di conoscenza è fondamentale per l’operatore della P.A. e per il tecnico privato: l’opera di Claudio Belcari costituisce un riferimento indispensabile a tal fine. Infatti, non solo il manuale è aggiornato allo stato dell’arte normativo (decreto SCIA 2, glossario dell’attività edilizia libera, d.P.R. 31/2017, ecc.) ma ne fa una trattazione ragionata con un approfondimento specifico dei singoli argomenti anch’essi raggruppati per “problematiche” secondo uno sviluppo logico consequenziale.
Il “cuore” del manuale è la trattazione dell’abusivismo edilizio, della repressione e della regolarizzazione delle opere esistenti, cui l’Autore dedica una dettagliata analisi, estesa anche alla problematica ambientale e paesaggistica che in maniera sempre più incidente influenza e condiziona l’edificabilità. L’esposizione è sempre orientata all’operatività ed è corroborata dalle risoluzioni giurisprudenziali e da “focus” di approfondimento che ne fanno un vero “strumento operativo”. Gli argomenti sono affrontati con completezza documentale e sistematicità di trattazione con l’ausilio anche di schemi grafici di sintesi e corredato infine da un questionario utile al lettore per verificare il livello di apprendimento.

Claudio Belcari, dirigente comunale, formatore enti locali, A.N.C.I., ordini e collegi professionali e consulente tecnico nei contenziosi penali e amministrativi nei settori edilizia e urbanistica. Collabora stabilmente con la rivista “L’Ufficio Tecnico”, mensile di tecnica edilizia, urbanistica e ambiente, edita da Maggioli Editore.

Volumi collegati:
Formulario generale dell’edilizia, M. Di Nicola, X ed. 2019
Le nuove procedure edilizie SCIA 1 e SCIA 2, dopo il glossario opere edilizia libera,
M. Di Nicola, II ed. 2018 Autore, III ed. 2016

Leggi descrizione
Claudio Belcari, 2019, Maggioli Editore
48.00 € 45.60 €

Condividi

1 COMMENTO

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here