Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto che istituisce il Sistema informativo nazionale federato delle infrastrutture (SINFI), che può essere considerato un vero e proprio catasto infrastrutture. Il catasto infrastrutture attua le disposizioni dello Sblocca Italia (DL 133/2014) e del Dlgs 33/2016 e definisce le regole e le modalità per la costituzione, la consultazione e l’aggiornamento dei dati territoriali in mano all pubbliche amministrazioni e ai soggetti proprietari o concessionari di infrastrutture di gas, luce, acqua e telecomunicazioni.

Il SINFI fornirà informazioni sui sottoservizi già presenti nel territorio e quelli in fase di progettazione da parte dei vari operatori di rete; sarà più facile agevolare la progettazione di nuovi interventi e il riuso  delle infrastrutture esistenti.

SCARICA IL DECRETO CON IL CATASTO INFRASTRUTTURE E L’ALLEGATO A

 

Catasto delle infrastrutture: le caratteristiche

Il SINFI conterrà tutte le informazioni relative alle infrastrutture presenti sul territorio e permetterà di velocizzare lo sviluppo delle reti a banda ultralarga e risparmiare sui costi di posa della fibra. Il catasto infrastrutture dovrà contenere sia quelle sottosuolo sia quelle in superficie. Con infrastrutture sottosuolo si intende: reti di telecomunicazione; reti elettriche; reti di approvvigionamento idrico; reti del gas; reti per il teleriscaldamento; oleodotti; reti per la pubblica illuminazione.

Soprasuolo invece ci sono strade (circolazione veicolare, pedonale, ciclabile ecc), ferrovie, immobili e altri. Saranno, inoltre, inseriti nel sistema i dati relativi agli edifici scolastici digitalizzati.

Leggi anche Biblioteche scolastiche digitali, con 5 milioni di euro a disposizione cosa può cambiare?

 

Catasto delle infrastrutture: gli obblighi

Le amministrazioni pubbliche avranno 180 giorni dalla pubblicazione del decreto per comunicare le informazioni al Catasto. Gli operatori avranno 90 i giorni. Entro gli stessi termini deve essere comunicata dai predetti l’eventuale indisponibilità di dati da inserire nel SINFI, sia da parte delle PA sia degli operatori.

Tutti gli operatori di rete e i gestori di infrastrutture fisiche dovranno fornire al Gestore le disposizioni relativamente all’accessibilità degli stessi che devono risultare normalizzati secondo l’allegato A.


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here