Autorimesse da 300mq a 1000mq – 7 Ottobre scadenza per regolarizzarsi

È fissato al 7 ottobre 2016 la data ultima per regolarizzare ai fini antincendio le autorimesse con superficie compresa tra 300mq e 1000mq.

Con il Decreto Milleproroghe 2015 veniva data un’ulteriore proroga fissato al 7 ottobre 2016 la scadenza per redigere la SCIA antincendio per le autorimesse soggette ai relativi controlli dal DPR 151/2011.

Con l’entrata in vigore del DPR 151/2011, variano le attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, infatti l’allegato A del DPR 151/2011, sostituisce il DM 16 febbraio 1982, cambiando il numero di attività soggette e i loro requisiti di assoggettabilità.

Cosa cambia

Con il DM 16 febbraio 1982 erano soggette ai controlli di prevenzione incendi le “Autorimesse private con più di 9 autoveicoli, autorimesse pubbliche, ricovero natanti, ricovero aeromobili”.

Il DPR 151/2011, pone come requisito di assoggettabilità la superficie, e non più la quantità di autoveicoli presenti.

Estratto allegato A DPR 151/2011

N. Attività Descrizione CAT. A CAT. B CAT. C
7 5 Autorimesse pubbliche e private, parcheggi pluriplano e meccanizzati di superficie complessiva coperta superiore a 300 mq; locali adibiti al ricovero di natanti ed aeromobili di superficie superiore a 500 mq; depositi di mezzi rotabili (treni, tram ecc.) di superficie coperta superiore a 1.000 mq. Autorimesse fino a 1.000 mq. Autorimesse oltre 1.000 mq e fino a 3.000 mq; ricovero di natanti ed aeromobili oltre 500 mq e fino a 1000 mq. Autorimesse oltre 3000 mq; ricovero di natanti ed aeromobili di superficie oltre i 1000 mq; depositi di mezzi rotabili.

La proroga per le autorimesse vale solo per quelle di CATEGORIA A, in quanto per quelle di categoria B e C la data fissata dal Decreto Milleproroghe 2015 era il 1° novembre 2015, per la presentazione di un progetto di adeguamento da sottoporre al comando provinciale competente come previsto dall’art. 3 del DPR 151/2011.

Responsabilità e sanzioni

Colui che è tenuto a presentare la documentazione è in via generale il titolare dell’attività. Normalmente, le autorimesse sono di proprietà di condomini, in questo caso il responsabile è l’amministratore di condominio il quale deve presentare una delibera per l’adeguamento e regolarizzazione dell’autorimessa rispetto alla normativa di prevenzione incendi.

Le sanzioni per chi non si regolarizza sono esplicitate nel decreto legislativo 8 marzo 2006 n. 139, il quale all’art. 20 prevede: “chiunque in qualità di titolare di una delle attività soggette al rilascio del certificato di prevenzione incendi, ometta di richiedere il rilascio o il rinnovo del certificato medesimo è punito con l’arresto sino ad un anno o con l’ammenda da 258 euro a 2582 euro […]”.

Chi puo’ redigere la documentazione?

Le certificazioni e asseverazioni da presentare in allegato alla SCIA antincendio devono essere redatte da un professionista antincendio, ovvero un tecnico iscritto all’albo del Ministero degli interni ex legge 818/84.

Nel numero 2/2016 della rivista Progetto Sicurezza (Maggioli Editore) è possibile leggere l’articolo completo in cui verranno presi in considerazione i requisiti costruttivi delle autorimesse, le metodologie di stima delle resistenza al fuoco degli elementi e gli elaborati da redigere per la presentazione della SCIA antincendio.

Prevenzione incendi - Le nuove norme tecniche del d.m. 3 agosto 2015

Prevenzione incendi - Le nuove norme tecniche del d.m. 3 agosto 2015

A. M. Lommano, 2015, Maggioli Editore

L'ebook presenta le novità introdotte dal d.m. 3 agosto 2015. Il decreto, frutto di un lungo processo di elaborazione da parte del Ministero, è orientato a semplificare e razionalizzare l’attuale corpo normativo relativo alla prevenzione degli incendi mediante...




14 Commenti

  1. Per favore vorrei sapere l’Art. del decreto Milleproroghe 2015, che fissa la data del 7.ottobre 2016 per la regolarizzazione ai fini antincendio per le autorimesse

  2. Il decreto Milleproroghe convertito in legge con la Legge 11/2015 prevede all’articolo 4 comma 2-bis: “All’articolo 38, comma 2, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, le parole: «entro tre anni dalla data di entrata in vigore dello stesso» sono sostituite dalle seguenti: «entro il 7 ottobre 2016».”
    La legge 98/2013 al citato articolo 38 comma 2 prevedeva l’obbligo di regolarizzazione entro 3 anni, adesso ulteriormente prorogata al 7 Ottobre 2016.

  3. Per le autorimesse di superficie inferiore a 300 mq, es. 230 mq con 8 posti auto, occorre fare qualche adempimento entro il 07/10/2016?

    • Salve Ing. Maggitti, trattandosi, la sua, di autorimessa con superficie inferiore a 300mq, non è necessario alcun adempimento ai fini antincendio entro il 07/10/2016.
      Volevo comunque sottolineare che a prescindere dalla superficie delle autorimesse e dal numero di posti auto, queste devono comunque rispettare la normativa di riferimento D.M. 1 febbraio 1986 “Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l’esercizio di autorimesse e simili”, anche se non andrà fatta alcuna comunicazione e adempimento presso il comando dei Vigili del Fuoco competente.

  4. nel condo minio della mia abitazione nel seminterrato del fabbricato ci sono dieci box degli stessi proprietari del condominio, la superficie supera i 300 mq.
    Il fabbricato è antecedente al 1986, tale situazione è soggetta all’obbligo di adeguamento alla nuova normativa?
    Nel ringraziare dell’attenzione porgo cordiali saluti.

    • Sig. Grado, la sua situazione necessita sicuramente di un approfondimento dello stato dei luoghi e della documentazione. In generale posso dirle che una pratica ai vigili del fuoco (CPI o SCIA antincendio) deve comunque essere stata già presentata al comando provinciale competente. Faccio presente che il 1986 è solo l’anno di pubblicazione della norma sulla realizzazione ed esercizio delle autorimesse, la loro assoggettabilità ai fini antincendio è stabilità già da dal DM 16/02/1982 (attività 92).

    • Per tutte le autorimesse la normativa di riferimento è:
      D.M. 1 febbraio 1986 “Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l’esercizio di autorimesse e simili”,
      in particolare il capitolo 2 tratta le “AUTORIMESSE AVENTI CAPACITA’ DI PARCAMENTO NON SUPERIORE A NOVE AUTOVEICOLI”.

  5. Vorrei avere una proposta di soluzione per l’adeguamento norme antincendio di un condominio costruito nel 1960, con due piani interrati di cui il secondo adibito a posti auto di ca.300mq, montauto per l’accesso, vano scale condominiale come seconda uscita, locale caldaia.Ci troviamo una proposta di adeguamento talmente onerosa e complicata nell’attuazione che si è preferito bloccare l’accesso alle auto.Mi preme dire che finora non si è mai verificato nessun tipo di incidente.

  6. Ho letto la risposta al Sig. Domenico Grado data dall’Ing. Sebastiano Ciriello il 16 Novembre 2016, essendo il mio caso uguale a quello evidenziato dal Sig. Grado (ovvero 10 mezzi in un garage interrato del condominio di circa 410 mq.), però il condominio è stato costruito nel 1974, quando le norme antincendio non erano state ancora antincendio se non nel 1982, volevo chiedere siamo comunque obbligati al rispetto delle nuove norme??
    Grazie per un eventuale cortese risposta.

  7. Buongiorno, ho un locale commerciale inferiore a 1000 mq che in principio era una autorimessa con un ingresso sul fronte ed una rampa sul retro che oggi non esiste più e avrei intenzione di ritrasformarla in autorimessa a pagamento, a quali norme antincendio mi devo attenere?quanti ingressi ed uscite devo predisporre e con quali misure?

  8. Buongiorno,
    per la quantificazione dei metri complessivi, di cosa bisogna tener conto ?
    Spazio di manovra, box auto e anche locali di servizio non adibiti a garage ?
    Le misure devono essere considerate lorde o nette, in pratica devo considerare anche le pareti che dividono i vari garages oppure no ?
    Grazie in anticipo

  9. Buongiorno, faccio parte di un condominio con 10 autorimesse private che necessitano di adeguamento antincendio e una parte di corsello facente parte delle parti comuni condominiali che necessita anch’essa di adeguamento L’amministratore condominiale ha proposto una ditta che potrebbe fare il lavoro sia per la parte comune sia per la parte privata in modo che poi il tecnico possa presentare un’unica domanda di certificazione ai vigili del fuoco. La mia domanda è: nella mia autorimessa privata, posso invece fa fare il lavoro di adeguemento ad un’altra ditta autorizzata che mi rilascia la certificazione del la conformità alle norme di legge del lavoro svolto e fornire all’amministratore la certificazione in modo che possa unirla a quelle degli altri condomini per i vigili del fuoco? Il tecnico che ci segue sostiene che la certificazione debba essere della stessa ditta per tutte le autorimesse private e che quindi il lavoro debba essere fatto per tutti dalla stessa ditta.
    Grazie

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here