Indagini diagnostiche dei solai, Scuole belle, fondi INAIL, mutui per l’edilizia scolastica, Sbloccascuole, fonfi di Kyoto per efficientamento energetico: sono tutti i canali di finanziamento per l’edilizia scolastica in Italia, per tutelare e spingere la riqualificazione degli edifici scolastici nel nostro paese.

Per fare ordine l’ANCI ha emesso una nota (scaricala qui) in cui si riassumono i punti chiave di questi progetti. L’ha inviata a tutti i sindaci, perchè l’obiettivo è quello di fare chiarezza sui finanziamenti per l’edilizia scolastica relativi al 2016 e anni seguenti. Fondamentalmente: grazie all’art. 1 comma 713 della Legge di Stabilità non sono considerate a fini di saldo del Patto di stabilità le spese sostenute dagli enti locali, Comuni, Città metropolitane e Province per gli interventi di edilizia scolastica se effettuati a valere sull’avanzo di amministrazione e su risorse rivenienti dal ricorso al debito. L’esclusione opera nel limite di 480 milioni di euro.

Dunque, tanti i temi sul piatto. Partiamo dai FONDI INAIL PER EDILIZIA SCOLASTICA.

 

Come funzionano i fondi Inail per l’ edilizia scolastica?

È stato registrato dalla Corte dei Conti il DPCM che individua le iniziative di elevata utilità sociale valutabili nell’ambito dei piani triennali dell’INAIL. Gli interventi riguardano il completamento di nuovi edifici i cui lavori siano già in corso, ma anche progetti subito cantierabili o la messa a norma di edifici esistenti.

Tra questi, sono 105 le richieste di interventi di edilizia scolastica, su un totale di 201 domande presentate: più del 50%. Tali interventi interesseranno 80 amministrazioni tra Comuni, Province e Città metropolitane.

INAIL acquisterà gli immobili oggetto di interventi e si farà carico dei costi dell’operazione chiedendo alle Amministrazioni un canone a un tasso di interesse del 3% del costo complessivo dell’opera. Per difinire gli aspetti più tecnici si svolgerà un incontro ANCI, INAIL e struttura di Missione.

Altri 100 milioni di euro per ognuno degli anni 2015 e 2016 sono messi a disposizione per interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici e interventi di costruzione di scuole nuove. Dopo la suddivisione delle risorse disponibili tra le Regioni sono state valutati gli interessi da parte degli enti locali e il MIUR ha pubblicato il concorso di idee per la progettazione di scuole nuove. Le Regioni dovranno definire inisieme al MIUR le aree progettuali, infine un bando definirà i tempi.

Nei prossimi articoli tratteremo sempre delle iniziative in corso su  edilizia scolastica, messa insicurezza e riqualificazione di vecchie scuole e costruzione di nuovi edifici scolastici.

 

Edilizia scolastica pubblica

Edilizia scolastica pubblica

Giulia Zanata, Angela Silvia Pavesi, 2014, Maggioli Editore

"Sono soddisfatta perch abbiamo gi provveduto in tempi rapidi e coinvolgendo i governi regionali a mettere in atto una delle azioni pi importanti previste nel decreto del Fare. L'edilizia scolastica, come dichiarato all'inizio del mio mandato, rappresenta una delle priorit del Governo Letta....




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here