Home Professionisti Jobs Act Autonomi: modifiche peggiorative in arrivo in Cdm?

Jobs Act Autonomi: modifiche peggiorative in arrivo in Cdm?

3
Jobs Act Autonomi

Prime polemiche sulle bozze del cosiddetto Jobs Act Autonomi, il disegno di legge che dovrebbe vedere la luce alla fine della prossima settimana in Consiglio dei ministri: affiorerebbero infatti delle modifiche rilevanti “in pejus” delle misure già definite negli scorsi mesi.

Il provvedimento, lo ricordiamo, è uno dei più attesi di questo 2016: si tratta di una misura fondamentale per rivedere e modificare un sistema normativo relativo a partite IVA e professionisti che mai come in questi tempi necessita di un importante ribaltamento di prospettive (ne parlavamo qui negli scorsi mesi). Nella bozza di statuto del lavoro autonomo (su cui il Governo sta lavorando) sarebbe infatti scomparsa la norma a tutela dei malati gravi e sarebbero stati fissati dei limiti per la deducibilità delle spese in formazione e orientamento. A denunciarlo sono le associazioni Acta, Alta partecipazione, Confassociazioni, Confprofessioni che hanno scatenato su Twitter la protesta “marchiata” con l’eloquente hashtag #Noncigarba.

Insomma le misure tanto sbandierate a tutela dei lavoratori autonomi (con i professionisti tecnici in prima fila nella categoria) parrebbero ridimensionate e non di poco. La totale deducibilità delle spese per la formazione e l’aggiornamento professionale, la tutela in caso di malattia grave, gli strumenti per difendersi dai ritardi nei pagamenti delle parcelle e l’aumento del periodo di congedo parentale sono alcuni dei cardini su cui poggia lo statuto dei lavoratori autonomi: rispetto al testo circolato ad ottobre, potrebbero essere inserite delle condizioni che limiterebbero la portata di alcune misure. Eccone un paio particolarmente importanti.
1. Il testo stabilisce la sospensione degli obblighi previdenziali e fiscali durante il periodo della malattia, per un massimo di venti mesi. Secondo le associazioni, rispetto alla versione iniziale potrebbe essere cancellata la possibilità di equiparare alla degenza ospedaliera i periodi di malattia certificata conseguenti al trattamento di malattie oncologiche. Al momento è in atto il confronto e Palazzo Chigi potrebbe ancora confermare la copertura delle terapie oncologiche.
2. La bozza estende ai lavoratori autonomi le tutele contro i ritardi nei pagamenti. Tuttavia, anche in questo caso, le associazioni denunciano che, rispetto alla versione iniziale, si sia passati da 60 a 90 giorni per considerare il ritardo un abuso. Anche a tal riguardo il confronto è aperto, ma il Governo potrebbe confermare il limite a 60 giorni.

Leggi anche Jobs Act Autonomi: interessi di mora anche per i professionisti tecnici.

Per maggiori certezze in materia è tuttavia necessario attendere l’emissione della bozza finale del testo di legge nel prossimo Cdm che si riunirà (con tutta probabilità, come detto, settimana prossima).

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità - II edizione

Regime forfetario dei professionisti tecnici dopo la Legge di Stabilità - II edizione

Questa seconda edizione è aggiornata con i contenuti e l'analisi della circolare dell'Agenzia delle Entrate 4 aprile 2016, n. 10/E (applicazione e disapplicazione del regime forfetario, caratteristiche, agevolazioni per chi inizia una nuova attività, sanzioni). Inoltre è stato aggiunto un capitolo con le istruzioni di compilazione del modello LM di UNICO per la dichiarazione dei redditi per i professionisti in regime dei minimi o in regime forfetario.

La guida in formato ebook che si concentra sulle novità del regime forfetario, introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 (legge 28 dicembre 2015, n. 208), in particolare riguardo il più elevato livello di compensi o ricavi per utilizzarlo, e l’aliquota per la tassazione separata ridotta al 5% per le nuove attività per i primi cinque anni di apertura della partita Iva. Di particolare rilievo anche la possibilità di optare per il versamento di contributi ridotti per chi esercita attività d’impresa ed è iscritto alla Gestione artigiani e commercianti dell’INPS.

La Guida effettua l'identikit del regime forfetario: le regole per l'accesso, la tassazione e l'avvio dell'attività. Passa poi ad analizzare il sistema previdenziale delle singole figure professionali, architetti, ingegneri, geometri, autonomi e professionisti senza Cassa , artigiani e imprese, la compilazione delle fatture e propone una lista completa delle verifiche da fare per valutare la convenienza a passare al nuovo regime quando si ha un'attività già avviata.

Completano l'ebook:
- i modelli per l'avvio dell'attività e l'iscrizione alle casse previdenziali,
- le formule per la corretta compilazione delle fatture
- 70 quesiti risolti per chiarire i dubbi più diffusi in materia.

Lisa De Simone, Esperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, seguendo in particolare il settore edilizio dal punto di vista fiscale,e le tematiche condominiali

Leggi descrizione
L. De Simone, 2016, Maggioli Editore
9.90 € 8.42 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here