Il Consiglio di Stato ha sentenziato che il frazionamento è un intervento di ristrutturazione. Inoltre: in caso di vendita di immobili soggetti a frazionamento l’IVA in edilizia è al 10% (e non al 22%). La data da tenere a mente è il 12 novembre 2014: le novità valgono per gli interventi effettuati dal 12 novembre 2014 in poi, perchè il decreto legge 133/2014 Sblocca cantieri, che ha ampliato la categoria edilizia della “manutenzione straordinaria”, non deve essere applicato agli interventi di frazionamento o accorpamento realizzati prima.

La sentenza del Consiglio di Stato è la n.4381 del 21 settembre 2015 che, in maniera indiretta, risolve anche una questione ai fini Iva in edilizia, legata alla cessione di immobili oggetto di frazionamento o accorpamento.

Dal 12 novembre 2014, infatti, ci si chiedeva se nelle cessioni di immobili oggetto di frazionamento o accorpamento realizzate prima, il soggetto passivo dovesse fatturare comunque con aliquota del 22%, cioè quella ordinaria prevista per unità immobiliari oggetto di interventi di manutenzione straordinaria, oppure con aliquota ridotta al 10%, poichè i frazionamenti e accorpamenti fino al 12 novembre 2014 erano considerati interventi di ristrutturazione edilizia. Non era più chiaro se anche dopo il 12 novembre 2014 fossero ristrutturazione edilizia o manutenzione straordinaria.

Adesso è chiaro: il frazionamento è ristrutturazione e l’IVA sul venduto frazionato è al 10%.

Per i lavori di ristrutturazione, di manutenzione ordinaria e straordinaria di recupero di immobili a prevalente uso abitativo, per la costruzione o l’ampliamento di abitazioni civili (non di lusso) o di fabbricati civili e per l’abbattimento delle barriere architettoniche è possibile chiedere e ottenere un regime fiscale IVA agevolato, anziché con l’aliquota intera, come abbiamo illustrato nel nostro tutorial su quando sia possibile richiedere l’IVA al 4% e quando al 10%. In tutti i casi, però, è necessario produrre una apposita dichiarazione IVA agevolata utilizzando dei modelli che andranno compilati in ogni sua parte e inviati a chi dovrà poi realizzare la fattura.

Per approfondire il tema, vi linkiamo la nostra pagina speciale Dichiarazione IVA agevolata in edilizia – Cosa c’è da sapere.

 

L’iva in edilizia 2015

L’iva in edilizia 2015

Giorgio Confente, 2015, Maggioli Editore

Aggiornata con la Legge di Stabilità 2015 (Legge 23 dicembre 2014, n. 190) e con il Decreto Legislativo 21 novembre 2014, n. 175 - semplificazione fiscale, la XI edizione di questa apprezzatissima Guida fornisce soluzioni operative alle problematiche inerenti la corretta gestione e...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here