Recupero periferie

Lotta al degrado urbano e recupero delle periferie: i due punti-chiave sottesi al Piano nazionale definito alla fine del 2014. La “deadline” per fruire dei fondi messi a disposizione (200 milioni di euro) è fissata al prossimo 30 novembre: per condurre l’attività di gestione e selezione delle richieste è stata messa a punto una commissione composta da rappresentanti di 6 ministeri (Infrastrutture, Economia, Beni culturali, Affari regionali, Pari opportunità e Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica). Al medesimo tavolo saranno presenti anche rappresentanti dell’Agenzia del Demanio e degli Enti locali.

Questa la valutazione in merito al piano emessa lo scorso mese di dicembre dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori: “L’emendamento del Governo alla Legge di Stabilità e Sviluppo che predispone un Piano nazionale per la rigenerazione e riqualificazione delle periferie e delle aree urbane degradate, con un investimento di 50 milioni per il 2015 e altri 150 per il 2016 e il 2017, sembrerebbe finalmente dare l’avvio a una seria politica di sviluppo delle città e rigenerazione delle periferie se, ancora una volta, non si volesse poi attuarla con i metodi bizantini propri della vecchia politica italiana. Il Piano nazionale sostituisce, infatti, il Piano Città del 2012, i cui limiti di visione e di organizzazione ne hanno decretato il sostanziale fallimento, riproducendone la carenza di progetto e un’assurda burocrazia nel processo di attuazione”. Per approfondire leggi l’articolo Il Piano Città è morto, arriva la Riqualificazione delle periferie: ecco come farla funzionare.

I progetti sono individuati mediante “uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri”. L’iter continua con la “stipulazione di convenzioni o accordi di programma con i soggetti promotori dei progetti medesimi”. Le convenzioni stabiliscono un cronoprogramma ferreo e una serie di “criteri e modalità per la revoca dei finanziamenti in caso di inerzia realizzativa”. Inoltre nelle “convenzioni o accordi di programma vengono definite le modalità necessarie all’espletamento della attività di monitoraggio degli interventi”. Chi non dovesse riuscire a rimanere al passo con questo rigido protocollo sarà cancellato dalla lista e i finanziamenti assegnati al successivo intervento in graduatoria.

Una procedura abbastanza farraginosa, necessaria tuttavia per valutare con attenzione la corretta attribuzione dei finanziamenti.

Piano e progetto  di area verde

Piano e progetto di area verde

Alessandro Toccolini, 2015, Maggioli Editore

Il volume si presenta come un manuale di pianificazione e di progettazione delle aree verdi, intese nel loro significato più completo e in una visione unitaria che spazia dalle aree naturali al verde agricolo, dal verde urbano alle aree di frangia metropolitana, al verde con funzione...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here