Home Appalti Opere pubbliche 2015, grande freddo: la ripresa dov’è? Qualche indizio

Opere pubbliche 2015, grande freddo: la ripresa dov’è? Qualche indizio

22
Opere pubbliche 2015

Investimenti in opere pubbliche, grande freddo in questa prima metà di 2015: dopo i rilevanti segnali di ripresa registrati nel corso dei 2014, la prima parte del 2015 ha visto concretizzarsi una notevole contrazione dell’entità delle opere pubbliche lungo lo Stivale. Si è passati da opere per 17,02 miliardi di euro a opere per 14,7 miliardi, con una calo rilevante del 17%.

I dati relativi alla mancata ripresa in materia di cantieri pubblici affiorano dalla rilevazione mensile effettuata dall’Osservatorio CRESME-Edilizia e Territorio/Sole 24 Ore. Il dato dei bandi di gara è un tipico indice anticipatore del mercato dei lavori pubblici anche se in Italia non esiste una automatica certezza che i progetti si traducano in cantieri reali a causa di una serie di rallentamenti burocratici.

Come afferma Giorgio Santilli sul Sole 24 Ore di ieri, “il dato dei bandi pubblicati è anche un indicatore di fiducia delle pubbliche amministrazioni sulla possibile ripresa dei propri appalti. Il dato del 2014, infatti, era stato positivo anche per effetto dell’allentamento del patto di stabilità e del pagamento di debiti pregressi delle amministrazioni che avevano liberato risorse per nuovi progetti. Il dato dei bandi di gara, infine, è anche un indicatore di trasparenza del mercato perché sono esclusi ovviamente dal conteggio i lavori affidati a trattativa privata che – ha denunciato ancora di recente l’Autorità nazionale anticorruzione di Raffaele Cantone – continuano a costituire un elemento di forte criticità per il settore sul piano della trasparenza e del rispetto delle procedure”.

Interessante rilevare la scansione territoriale di questo calo (ricordiamo che i dati fanno riferimento ai primi 7 mesi del 2015): calo forte al sud e al centro, con il nord che invece tiene. I dati sono i seguenti: -20% per il Centro, -10% per il Sud continentale, -18% per le Isole. Il Nord Ovest si mantiene essenzialmente stabile (+1,7%), con il Nord Est in grossa crescita (crescita quasi raddoppiata).

Come corollario a questi dati deve essere infine segnalata la crescita del settore dell’edilizia abitativa (+138%), causato con tutta probabilità dai piani di manutenzione sulle case popolari lanciati nei mesi scorsi dal Decreto Sblocca Italia.

Sblocca Italia. Cosa cambia in edilizia, urbanistica e tutela del paesaggio

Sblocca Italia. Cosa cambia in edilizia, urbanistica e tutela del paesaggio

Claudio Belcari, 2014, Maggioli Editore

Questo nuovo e-book analizza le novità in materia edilizia urbanistica e paesaggistica della legge “Sblocca Italia” (d.l. 133/2014 “Misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del paese, la semplificazione...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here