Home Progettazione Nuovo APE, ecco a luglio che cosa cambia (davvero)

Nuovo APE, ecco a luglio che cosa cambia (davvero)

448
Nuovo APE

È in piena rampa di lancio il nuovo APE, l’Attestato di Prestazione Energetica per gli edifici che andrà a modificare una parte consistente della disciplina della certificazione energetica contenuta nel decreto ministeriale del 26 giugno 2009: all’inizio di aprile è stata infatti diffusa una bozza provvisoria del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che rivede la normativa sull’efficienza energetica degli edifici. Proprio sulla base di queste regole i certificatori energetici saranno tenuti a redigere l’APE.

Ricordiamo ai nostri lettori che è disponibile anche il nostro utilissimo Prontuario alla Gestione degli APE: quando richiederlo, consegnarlo, allegarlo, affiggerlo  (aggiornato a novembre 2017) contenente pratiche tabelle in grado di coprire tutti i casi possibili, grazie all’incrocio di 44 tipologie diverse di edificio e 32 atti di trasferimento immobili.

APE: che cosa cambia?
1. La data da fissare in rosso nei calendari? Il 1 luglio 2015: entro questa data dovranno essere applicati nuovi standard minimi per il calcolo della classe, da riportare nell’Attestato di Prestazione Energetica necessario per la vendita o la locazione degli immobili.
2. Le classi energetiche saranno 10: nel vecchio sistema le 7 lettere da A a G indicavano il livello di efficienza e sostenibilità dell’edificio. Nel sistema rinnovato le classi andranno da A4, la migliore, fino ad A3, A2, A, B, C, D, E, F, G, la peggiore.
3. L’Attestato sarà semplificato e identico su tutto il territorio nazionale, con una metodologia di calcolo omogenea.

Per un elenco più dettagliato delle novità consulta il nostro articolo Nuovo APE, la prestazione energetica userà le emoticon. Uno dei post più letti del mese su Ediltecnico.it.

Dal 2 ottobre 2014 è in vigore l’ultima rivoluzione in materia di Certificazione Energetica, introdotta dalla pubblicazione dell’aggiornamento della normativa tecnica di riferimento (UNI/TS 11300:2014 parti 1 e 2).

APE e compravendita immobili
In questo contributo ci accingiamo ad effettuare una rapida immersione nel tema dell’APE in relazione alla compravendita di immobili. Il d.lgs. 19 agosto 2005, n. 192 stabilisce che “nel caso di vendite, di trasferimento di immobili a titolo gratuito o di nuova locazione di edifici o unità immobiliari, ove l’edificio o l’unità non ne sia già dotato, il proprietario è tenuto a produrre l’attestato di prestazione energetica”. Nel corso delle compravendite pertanto l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) deve essere obbligatoriamente allegato ai contratti e l’acquirente è tenuto a dichiarare in una specifica clausola di aver ricevuto dal venditore la documentazione comprensiva dell’attestato.

Esiste pertanto a tutti gli effetti, nel momento in cui si addiviene alla compravendita, un vero e proprio obbligo di dotazione, di allegazione e di consegna dell’APE: è un principio che vale per tutti gli atti traslativi a titolo oneroso. Per quello che riguarda invece gli atti traslativi a titolo gratuito, come ad esempio nel caso di una donazione, tale obbligo strutturato di allegazione dell’APE non esiste.

Ma che conseguenze provoca sulla validità del contratto di compravendita la mancata allegazione dell’APE? Non l’annullamento. Il contratto sarà infatti valido a tutti gli effetti, ma tale validità sarà accompagnata da una sanzione amministrativa che oscilla tra i 3mila e i 18mila euro, a carico delle parti contraenti.

Prontuario alla compilazione dell'Attestato di Prestazione Energetica

Prontuario alla compilazione dell'Attestato di Prestazione Energetica

Nuova certificazione energetica in vigore dal 29 giugno 2016

L'ebook in pdf: "Prontuario alla compilazione dell'attestato di prestazione energetica" è un utile manuale per tutti i certificatori energetici. Offre indicazioni sulle procedure necessarie al fine di redigere l’attestato di prestazione energetica (APE), dalla fase di sopralluogo all'invio dello stesso agli uffici regionali competenti, secondo quanto stabilito dai decreti 26 giugno 2015 e con l'aggiornamento alle nuove UNI/TS 11300:2016 (parti 4-6) e UNI 10349:2016


L'opera non è un semplice elenco di operazioni, ma fornisce un metodo che il certificatore può acquisire, al fine di produrre un valido e completo attestato di prestazione energetica.

Guida alla Compilazione dell'APE

All'interno del testo i lettori troveranno una guida passo per passo sulle modalità di compilazione corretta dell'attestato con note esplicative e chiarimenti per i passaggi di più difficile interpretazione.

guida attestato prestazione energetica

Nel testo sono presenti strumenti operativi quali un essenziale prospetto che indica la necessità o meno di effettuare la stima dei consumi degli impianti (climatizzazione, produzione ACS, illuminazione, ventilazione, trasporto) per tipologia di edificio e un'utile check-list da utilizzare durante il sopralluogo obbligatorio.

guida alla certificazione energetica


 Sommario del Prontuario alla compilazione dell'attestato di prestazione energetica (per consultare l'indice clicca qui)

  1. Come redigere l’APE
  2. I dati contenuti nell’Attestato di Prestazione energetica
  3. Annunci commerciali
  4. Documentazione da conservare
  5. Sanzioni
  6. UNI/TS 11300 e UNI 10349

 

Sebastiano Ciciriello
Ingegnere laureato presso il Politecnico di Bari in Ingegneria Edile-Architettura. Cofondatore dello studio associato di ingegneria “Diagnostica Monitoraggio e Progettazione” (www.associatidmp.it). Si occupa di tutti i temi legati alla diagnostica e monitoraggio energetico-strutturale degli edifici, al fine di realizzare interventi edilizi basati su modelli matematici ad alta efficienza energetica e sostenibilità ambientale. Consulente tecnico presso il tribunale di Trani, si occupa anche di prevenzione incendi

Leggi descrizione
S. Ciciriello, 2016, Maggioli Editore
12.90 € 10.97 €

Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here