Grande Pompei

Il codice tributo che le imprese possono utilizzare per la compensazione del credito d’imposta, codice da segnare nel credito d’imposta, per l’ Art Bonus è 6842. Lo stabilisce la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate 116/E/2014.

L’ Art Bonus consente di compensare i crediti d’imposta relativi alle erogazioni effettuate tra il 2014 e il 2016, a sostegno della cultura, come le somme donate per interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici. Ne possono beneficiare le persone fisiche o giuridiche, solo se hanno effettuato erogazioni liberali con pagamenti tracciati.

Il credito d’imposta (o Art Bonus) è pari al 65% per le somme erogate nel 2014 e nel 2015, 50% per il 2016. Per le persone fisiche e gli enti che non svolgono attività commerciale c’è il limite del credito d’imposta fissato al 15% del reddito imponibile, per i titolari di reddito d’impresa, il limite è 5 per mille dei ricavi su base annua.

Per avere la possibilità di compensare il credito previsto dall’ Art Bonus, tramite modello F24, il seguente codice tributo è 6842 denominato “Credito d’imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura – ART BONUS – art. 1, del decreto legge 31 maggio 2014, n. 83”. Sul modello F24, il codice tributo è nella sezione “Erario”, nella colonna “importi a credito compensati”, con l’indicazione dell’anno d’imposta in cui sono state effettuate le erogazioni liberali.

Riassumiamo il contenuto dell’ Art Bonus, oltre alle misure volte a favorire il mecenatismo culturale con il credito di imposta al 65%:
– semplificazioni delle procedure per il Grande Progetto Pompei;
– organizzazione e funzionamento delle fondazioni lirico-sinfoniche;
– piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali” e misure relative al finanziamento.

Per tutti i dettagli pui leggere Decreto Cultura: arriva l’ArtBonus per la tutela dei beni culturali.

L’innovazione più importante è però quella inerente all’ampliamento del credito d’imposta del 65% Art Bonus anche nei confronti di quelle donazioni rivolte verso concessionari o affidatari di beni culturali pubblici, finalizzate alla conservazione o manutenzione del patrimonio turistico-culturale-artistico del Paese. Per sapere di più di questa novità leggi Decreto Art Bonus, si amplia il novero delle donazioni incentivate.


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here