Home Edilizia Edilizia scolastica, più di 400 interventi fuori dal Patto di Stabilità

Edilizia scolastica, più di 400 interventi fuori dal Patto di Stabilità

50
Edilizia scolastica

Durante la Conferenza Stato Città, ieri, l’Associazione dei Comuni italiani ha dato parere positivo sul Decreto che prevede l’esclusione dal computo del Patto di stabilità 2014 e 2015 per 404 interventi di edilizia scolastica, di “Scuole nuove” e in base a quanto affermato dal Dl 66/2014.  Gli interventi scelti sono tra le richieste che i Sindaci hanno inviato a Matteo Renzi.

Quei 404 Comuni quindi sono liberi dai vincoli del Patto di Stabilità e la cifra che potranno spendere equivale a 122 milioni di euro per ciascuna annualità. 4004 le richieste pervenute. È stata data priorità ai Comuni che hanno comunicato di poter effettuare lavori solo con risorse proprie.

“Per il 2014 – ha spiegato Umberto Di Primio, che ha rappresentato l’Anci in Conferenza Stato Città – è stato dato seguito a tutte le richieste pervenute, per un totale di 112 milioni a fronte dei 122 milioni previsti; per il 2015, essendo le richieste superiori al tetto dei 122 milioni di euro, si è proceduto con un taglio uguale per tutti del 3,1%, così da soddisfare tutte le richieste”.

Altri 70 milioni saranno esclusi per il 2015 e 120 milioni per il 2016?
Probabilmente ci saranno ulteriori esclusioni dal Patto a favore degli interventi non rientrati in questa prima tornata ma richiesti alla Presidenza del Consiglio.

Chi ha chiesto l’esclusione degli interventi dal computo del Patto a partire dal 2015 o dal 2016 per il momento non è rientrato nelle previsioni stabilite dal Dpcm. Sarebbe auspicabile l’esclusione di ulteriori 70 milioni per il 2015 e di 120 milioni per il 2016, risorse utili soddisfare tutte le richieste pervenute.

Il Piano per l’edilizia scolastica del Governo Renzi è diviso in:
Scuole belle, interventi semplici di piccola manutenzione, ripristino e mantenimento della funzionalità e del decoro;
Scuole sicure, 632 interventi per complessivi 150 milioni (leggi anche:  Edilizia scolastica, i soldi per le Scuole Sicure arrivano in Gazzetta)
Scuole nuove, 122 milioni per il 2014 e il 2015, fondamentali per consentire a molte amministrazioni comunali di operare in deroga al Patto di stabilità, come effettivamente è stata anticipato dall’Anci.


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here