Lo Sblocca Italia ha ricevuto il via libera e, come anticipato a fine ottobre, al suo interno è stato reintrodotto il Regolamento edilizio unico, con l’intento di unificare la regolamentazione edilizia per tutti i comuni italiani (oltre ottomila), per semplificare l’attività dei professionisti tecnici e di chi opera nel settore dell’edilizia.

Al fine di semplificare e uniformare le norme e gli adempimenti, quindi, sarà adottato uno schema di regolamento edilizio tipo tra Governo, regioni e autonomie locali, in sede di Conferenza unificata. Il regolamento edilizio-tipo, indica i requisiti prestazionali degli edifici, con particolare riguardo alla sicurezza e al risparmio energetico, dev’essere adottato dai comuni.

Il Regolamento edilizio unico deve essere adottano dai comuni ai sensi dell’articolo 2, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, nel testo vigente.

In particolare nella prima bozza dello Sblocca Italia si prescriveva che il Regolamento edilizio unico dovesse espressamente disciplinare, nel rispetto della legislazione vigente:
– la definizione dei parametri edilizi applicabili sull’intero territorio comunale;
– la fissazione delle definizioni tecniche di riferimento per gli interventi urbanistico-edilizi;
– l’individuazione delle caratteristiche e dei requisiti igienico-sanitari e di sicurezza, nonché di accessibilità in termini di eliminazione delle barriere architettoniche;
– la definizione degli elementi costitutivi o di corredo delle costruzioni;
– le modalità tecniche del recupero del patrimonio edilizio esistente e riduzione del consumo del suolo, in attuazione degli strumenti urbanistici e delle leggi di settore;
– la diversificazione degli interventi edilizi ai fini della sottoposizione a regimi procedimentali e contributivi differenziati in ragione della rispettiva natura e del carico urbanistico prodotto;
–  l’individuazione di misure tecniche volte a perseguire il risparmio energetico e a favorire l’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, nonché ad incentivare l’utilizzo di tecniche costruttive di bioedilizia e la qualità architettonica degli edifici.

Per approfondire tutte le novità comprese all’interno della legge 11 novembre 2014, n. 164 (Sblocca Italia) acquista l’e-book di Ediltecnico intitolato Sblocca Italia. Cosa cambia in edilizia, urbanistica e tutela del paesaggio.

Dunque, la versione definitiva dello Sblocca Italia comprende di nuovo il Regolamento edilizio unico.

Sblocca Italia. Cosa cambia in edilizia, urbanistica e tutela del paesaggio

Sblocca Italia. Cosa cambia in edilizia, urbanistica e tutela del paesaggio

Claudio Belcari, 2014, Maggioli Editore

Questo nuovo e-book analizza le novità in materia edilizia urbanistica e paesaggistica della legge “Sblocca Italia” (d.l. 133/2014 “Misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del paese, la semplificazione...




Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here