Torniamo ad occuparci di IVA agevolata in edilizia, un nostro cavallo di battaglia protagonista della visitatissima Pagina speciale dedicata sul sito. Ai fini IVA, che rapporto c’è tra lavori edilizi, così come definiti dal Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001), e categorie edilizie?

Secondo il Testo Unico dell’Edilizia sono 5 le categorie in cui si dividono i lavori edili:
1. lavori di manutenzione ordinaria, definiti all’art. 3, lett. a) del DPR 380/2001;
2. lavori di manutenzione straordinaria, definiti all’art. 3, lett. b) del DPR 380/2001;
3. lavori di recupero e restauro conservativo, definiti all’art. 3, lett. c) del DPR 380/2001;
4. lavori di ristrutturazione edilizia, definiti all’art. 3, lett. d) del DPR 380/2001;
5. lavori di ristrutturazione urbanistica, definiti all’art. 3, lett. e) del DPR 380/2001.

SPECIALE IVA IN EDILIZIA
Acquista i 2 Ebook al prezzo speciale di 23 euro (-17%) invece di 27,80 euro. Acquista il Pacchetto

Il Testo Unico dell’Edilizia fornisce delle definizioni che, in quanto tali, non riescono ad abbracciare la totalità dei lavori edilizi. Per definire con maggiore chiarezza quale lavoro può essere considerata una ristrutturazione edilizia rispetto, ad esempio, a un intervento di manutenzione straordinaria è utile fare riferimento a uno specifico documento di prassi che, ancorché datato, rappresenta ancora lo stato dell’arte.

Stiamo parlando della circolare del Ministero delle finanze 24 febbraio 1998, n. 57 che può essere consultata direttamente a questo link.

Una seconda classificazione dei lavori edili opera una distinzione in due grandi categorie: i piccoli interventi edilizi e i grandi interventi edilizi che è rilevante ai fini dell’individuazione della corretta aliquota dell’IVA agevolata in edilizia (aliquota del 10%).

Possiamo distinguere per piccoli interventi quelli di manutenzione ordinaria o straordinaria per cui si applica l’aliquota IVA ordinaria del 22%, se realizzati su immobili strumentali (diversi dagli edifici a destinazione abitativa).

Per grandi interventi, invece, intendiamo i lavori di recupero e restauro conservativo, ristrutturazione edilizia e urbanistica per i quali, a prescindere che siano effettuati su immobili abitativi o strumentali, si applica l’aliquota IVA agevolata in edilizia del 10%.

Con la legge 488/1999 è decaduta la distinzione tra piccoli e grandi lavori, La conseguenza di ciò è che oggi si applica l’IVA agevolata in edilizia (aliquota 10%) per tutti i lavori edilizi (dalla manutenzione ordinaria alla ristrutturazione edilizia) se realizzati su fabbricati “a prevalente destinazione abitativa privata”. Rimane invece la rilevanza tra piccoli e grandi interventi per gli immobili strumentali, i cui lavori scontano l’aliquota intera del 22%, se sono piccoli, e quella ridotta al 10% se sono grandi.

Guida all’IVA in edilizia  e nel settore 
immobiliare 2017

Guida all’IVA in edilizia e nel settore 
immobiliare 2017

Studio Dott. Righetti & Associati, 2017, Maggioli Editore

La Guida – giunta alla diciassettesima edizione – si propone di affrontare in modo pratico e schematico le varie problematiche relative al regime Iva (e Imposta di Registro e Ipo-Catastali) riguardante il settore dell’edilizia e immobiliare in...



 


6 Commenti

  1. Per lavori di completamento di un campeggio montano di proprietà comunale che aliquota Iva si applica? Essendo, lo stesso camping, un bene strumentale?

  2. potrei sapere se ristrutturare un bilocale di 50mq e 70mq di terrazzo comprensivo di nuovo massetto, impianto idraluilico, elettrico ecc, l’IVA sul lavoro dell’impresa edile che fa i lavori è al 10 o al 22%?? grazie

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here