Home Bonus Edilizia IVA agevolata in edilizia: quali interventi al 22% e quali interventi al...

IVA agevolata in edilizia: quali interventi al 22% e quali interventi al 10%

161887

Ai fini IVA, che rapporto c’è tra lavori edilizi, così come definiti dal Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001), e categorie edilizie? Secondo il Testo Unico dell’Edilizia sono 5 le categorie in cui si dividono i lavori edili:
1. lavori di manutenzione ordinaria, definiti all’art. 3, lett. a) del DPR 380/2001;
2. lavori di manutenzione straordinaria, definiti all’art. 3, lett. b) del DPR 380/2001;
3. lavori di recupero e restauro conservativo, definiti all’art. 3, lett. c) del DPR 380/2001;
4. lavori di ristrutturazione edilizia, definiti all’art. 3, lett. d) del DPR 380/2001;
5. lavori di ristrutturazione urbanistica, definiti all’art. 3, lett. e) del DPR 380/2001.

Il Testo Unico dell’Edilizia fornisce delle definizioni che, in quanto tali, non riescono ad abbracciare la totalità dei lavori edilizi.

Ti potrebbero interessare anche

IVA IN EDILIZIA: COME APPLICARLA

IVA IN EDILIZIA: COME APPLICARLA

V edizione, aggiornata con le novità 2020 sulla recentissima serie di documenti di prassi dell’Agenzia delle Entrate che consentono di usufruire con più facilità dell’agevolazione, anche a chi possiede già un immobile acquistato come prima casa.

Questa Guida in formato pdf, giunta alla 5° edizione, affronta le problematiche relative alla gestione dell'IVA nel mondo dell'edilizia e degli immobili, in particolare per acquisti, appalti, manutenzioni e ristrutturazioni.

L’opera tiene conto dei recenti importanti chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate in materia di aliquote IVA applicabili a specifiche categorie di beni per la realizzazione di immobili per uso abitativo.

È suddiviso in 2 parti:
- la prima relativa all'IVA al 4% per l'acquisto della prima casa, appalti e acquisto di beni per la costruzione e per l'abbattimento di barriere architettoniche;
- la seconda parte relativa al l'IVA al 10% per interventi di manutenzione e ristrutturazione.

Ogni parte contiene tabelle riepilogative e una sezione con Casi pratici risolti.

L'ebook contiene anche un Formulario con modelli compilabili per l'IVA agevolata al 4% e nuovi moduli per l'IVA agevolata al 10%, e un'Appendice Normativa.



Lisa De Simone
Esperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, curando alcune rubriche on line di informazione quotidiana con particolare attenzione alle sentenze della Corte di Cassazione in materia condominiale e fiscale

Lisa De Simone, 2020, Maggioli Editore
14.90 € 12.67 €
PRONTUARIO OPERATIVO PER L'IVA AGEVOLATA IN EDILIZIA

PRONTUARIO OPERATIVO PER L'IVA AGEVOLATA IN EDILIZIA

Sempre novità in materia di IVA in edilizia. 

Dall’Agenzia delle entrate interessanti chiarimenti in particolare in materia di beni finiti e di installazione e manutenzione degli ascensori.

Nell’ebook una serie di indicazioni utili per dare una risposta alle tante problematiche che ci si trova ad affrontare quando si debbono mettere in pratica le disposizioni di legge, per nulla trasparenti e facili da interpretare.

Non a caso in materia di IVA in edilizia ci sono decine e decine di documenti di prassi, circolari e risoluzione dell’Agenzia delle entrate, scritte proprio per dare una risposta a tanti casi concreti che ci si trova ad affrontare quando si tratta di stabilire qual è l’imposta corretta per quella determinata operazione.

In questo ebook, che è un complemento ideale della guida all’applicazione dell’IVA in edilizia, sono raccolti più di 325 casi pratici, domande alle quali è stata data una risposta e trovata la soluzione proprio sulla base dei chiarimenti forniti dall’Agenzia.

Indicazioni operative, dunque, da applicare in situazioni analoghe con la certezza di essere nel giusto.

Nell’appendice anche le più importanti norme e i documenti che è bene avere a disposizione per orientarsi a meglio nel settore.

 

Lisa De Simone
Esperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, curando alcune rubriche on line di informazione quotidiana con particolare attenzione alle sentenze della Corte di Cassazione in materia condominiale.

Lisa De Simone, 2020, Maggioli Editore
14.90 € 12.67 €

Iva agevolata in edilizia

La distinzione tra piccoli e grandi interventi

Una seconda classificazione dei lavori edili opera una distinzione in due grandi categorie: i piccoli interventi edilizi e i grandi interventi edilizi che è rilevante ai fini dell’individuazione della corretta aliquota dell’IVA agevolata in edilizia (aliquota del 10%).

Possiamo distinguere per piccoli interventi quelli di manutenzione ordinaria o straordinaria per cui si applica l’aliquota IVA ordinaria del 22%, se realizzati su immobili strumentali (diversi dagli edifici a destinazione abitativa).

Per grandi interventi, invece, intendiamo i lavori di recupero e restauro conservativo, ristrutturazione edilizia e urbanistica per i quali, a prescindere che siano effettuati su immobili abitativi o strumentali, si applica l’aliquota IVA agevolata in edilizia del 10%.

Con la legge 488/1999 è decaduta la distinzione tra piccoli e grandi lavori. La conseguenza di ciò è che oggi si applica l’IVA agevolata in edilizia (aliquota 10%) per tutti i lavori edilizi (dalla manutenzione ordinaria alla ristrutturazione edilizia) se realizzati su fabbricati “a prevalente destinazione abitativa privata”. Rimane invece la rilevanza tra piccoli e grandi interventi per gli immobili strumentali, i cui lavori scontano l’aliquota intera del 22%, se sono piccoli, e quella ridotta al 10% se sono grandi.


Condividi

7 Commenti

  1. Per lavori di completamento di un campeggio montano di proprietà comunale che aliquota Iva si applica? Essendo, lo stesso camping, un bene strumentale?

  2. potrei sapere se ristrutturare un bilocale di 50mq e 70mq di terrazzo comprensivo di nuovo massetto, impianto idraluilico, elettrico ecc, l’IVA sul lavoro dell’impresa edile che fa i lavori è al 10 o al 22%?? grazie

  3. Buongiorno,
    ho un dubbio relativo al rilascio dell’attestazione dell’I.V.A. Agevolata da parte dell’Ufficio Tecnico del Comunale in cui lavoro. Un cittadino ha regolarmente ottenuto il Permesso di Costruire per la realizzazione di alcune opere edilizie e ha anche regolarmente presentato la dichiarazione di inizio e fine lavori. Successivamente alla comunicazione di fine lavori ha altresì presentato la richiesta per ottenere l’attestazione dell’iva agevolata nonchè che l’abitazione non ha le caratteristiche di lusso. E’ la prima volta che si presenta questa situazione in quanto le altre volte i lavori erano tutti in corso di esecuzione, secondo Voi possiamo rilasciare l’attestazione I.V.A. visto che i lavori sono stati ultimati?
    Grazie

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here