L’assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato lo scorso 17 dicembre le linee di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall’alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile.

Le linee di indirizzo sono contenute nella deliberazione assembleare 17 dicembre 2013, n. 149. Il documento è aggiornato alla recente legge regionale dell’Emilia-Romagna sulla semplificazione in edilizia (LR 30 luglio 2013, n. 15).

Nel merito, il documento stabilisce le indicazioni tecniche sulle misure preventive e protettive da adottare nella progettazione e nella realizzazione di interventi riguardanti le coperture di edifici di nuova costruzione o di edifici esistenti, sia pubblici che privati, per garantire che i successivi interventi di manutenzione ordinaria delle coperture o le azioni comunque comportanti l’accesso, il transito o lo stazionamento sui tetti avvengano in condizioni di sicurezza.

Con questo atto di indirizzo viene introdotto l’obbligo di installare linee vita (dispositivi permanenti di ancoraggio, sulle coperture e sulle pareti vetrate di tamponatura degli edifici).

Le misure contenute nel documento si applicano agli edifici pubblici e privati quando si intendono realizzare:

– interventi di nuova costruzione;

– interventi riguardanti l’involucro esterno (pareti esterne perimetrali e/o coperture) di edifici esistenti assoggettati a regime abilitativo, di cui all’art. 9 della LR 30 luglio 2013, n. 15 (Semplificazione della disciplina edilizia).

– interventi riguardanti l’involucro esterno (pareti esterne e/o coperture) di edifici esistenti non assoggettati a titolo abilitativo ma ad obbligo di comunicazione con Notifica Preliminare.

Deliberazione Emilia-Romagna n. 149 del 17 dicembre 2013 Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall’alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile, ai sensi dell’art. 6 della L.R. 2 marzo 2009, n. 2; dell’articolo 16 della legge regionale 24 marzo 2000, n. 20. (Proposta della Giunta regionale in data 21 ottobre 2013, n. 1485).


Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here