X

Ristrutturazioni e Detrazione 65%, ecco degli esempi di bonifici parlanti

Quali sono le causali corrette da utilizzare per effettuare i bonifici parlanti necessari per sfruttare la Detrazione 50% per le ristrutturazioni edilizie e la Detrazione 65% per la riqualificazione energetica degli edifici?

In passato ci siamo già occupati della questione, fornendo una serie di istruzioni operative per la corretta compilazione del bonifico che puoi leggere in I sette punti per compilare il bonifico nella nuova Detrazione 50% e che riguardano i riferimenti normativi, chi deve ordinare il bonifico, i casi di intervento sulle parti comuni del condominio, il beneficiario, ecc.

Le detrazioni fiscali sulla casa 2017

Fabio Fusano, 2017, Maggioli Editore

Nuova edizione, aggiornata alla Legge di Stabilità 2017, e ampliata della Guida in formato ebook,, che si propone di fornire risposte esaurienti, specifiche e risolutive sul tema delle agevolazioni fiscali in edilizia. La prima parte è dedicata all’Ecobonus con...



In questa sede, invece, ci concentriamo sulla causale da riportare sul bonifico parlante, fornendo alcuni suggerimenti per la sua compilazione.

Bonifico parlante: caratteristiche della causale

Ricordiamo il bonifico bancario è l’unica forma di pagamento accettata per poter usufruire dei bonus garantiti dalla Detrazione 50% e dalla Detrazione 65%. Assegni o carte di credito non sono ammessi, perché, pur essendo forme di pagamento tracciabile, non consente l’applicazione della ritenuta d’acconto del 4% che l’istituto di credito effettua quando accredita l’importo sul conto corrente del beneficiario.

In altri termini, quando l’applicazione della ritenuta d’acconto è obbligatoria (come nel caso della Detrazione 50%), occorre che il bonifico presenti tutte le caratteristiche che consentano alla banca di codificare il versamento come soggetto alla ritenuta d’acconto. Se non vi riesce, perché ad esempio il bonifico è stato compilato in maniera sbagliata, si perde il diritto alla Detrazione.

Come scrivere la causale per la Detrazione 36% o 50%

Non esiste una “formula magica” o una causale precompilata, anche se utilizzando i moduli prestampati ad hoc che le banche e le Poste mettono a disposizione, è difficile che il bonifico non venga codificato correttamente. Occorre, ovviamente, quando si compila il bonifico, barrare la casella corretta relativa alla Detrazione 50% o quella del 65%.

Nella causale non è obbligatorio inserire i riferimenti normativi, anche se è preferibile farlo. E allora, in questi casi, una possibile causale corretta potrebbe essere la seguente:

Bonifico di pagamento per lavori di ristrutturazione edilizia (detrazione fiscale 50%) art. 16-bis DPR 917/1986. Pagamento della fattura n. XY del giorno/mese/anno

Oppure anche:

Bonifico di pagamento per lavori di ristrutturazione edilizia (detrazione fiscale 50%) art. 16-bis DPR 22 dicembre 1986 n. 917. Pagamento della fattura n. XY del giorno/mese/anno

C’è da aggiungere che la direzione regionale Piemonte dell’Agenzia delle Entrate, in risposta a un recente interpello dei geometri fiscalisti, ha ritenuto ammissibile anche una causale che indichi la norma della Detrazione 36% fino al 31 dicembre 2011 (art. 1, legge 27 dicembre 1997, n. 449) o quella che ha prorogato dal 1° gennaio 2012 il termine del bonus (art. 4, comma 1, lett. c) d.l. 6 dicembre 2001, n. 201). In proposito leggi anche Detrazione 50%, l’errore sulla causale del bonifico non blocca il bonus.

Come scrivere la causale per la Detrazione 65%

Sono valide tutte le istruzioni e le indicazioni riportate nel post, anche se ovviamente, in questo caso, cambiano i riferimenti normativi.

Una possibile causale per il bonifico parlante potrebbe essere la seguente:

Lavori di riqualificazione energetica. Detrazione 55% – 65%, ai sensi dell’art. 1, commi 344-347, legge 27 dicembre 2006, n. 296. Pagamento della fattura n. XY del giorno/mese/anno.

Le detrazioni fiscali sulla casa 2017

Fabio Fusano, 2017, Maggioli Editore

Nuova edizione, aggiornata alla Legge di Stabilità 2017, e ampliata della Guida in formato ebook,, che si propone di fornire risposte esaurienti, specifiche e risolutive sul tema delle agevolazioni fiscali in edilizia. La prima parte è dedicata all’Ecobonus con...



Leggi i commenti (43)

  • Secondo un condizionatore con fattura e pagamento con bonifico bancario il montaggio lo effettuo io anche se non ho nessuna ditta. Poi è possibile scaricarlo con la dichiarazione del 730

  • buongiorno, nel 2015 ho fatto un bonifico ad una ditta di serramenti con dicitura eff. energetico L.214/2011 sarebbe per il rimborso del 65%. il CAAF mi dice che il bonifico deve avere il mio codice fiscale e quello della ditta beneficiaria.!!!possibile mai.!!! il bonifico mi è stato fatto allo sportello della mia banca..!!! cosa succede.?

  • Ho acquistato con bonifico previsto x ristrutturazione un condizionatore da leroy merlin... Ma la posa ed istallazione la faccio fare da un altro artigiano... Se posso questi con bonifico parlante, posso chiedere la detrazione 730 anche x il costo della posa?
    Grazie

  • Dopo aver sostituito la caldaia con una a condensazione e fatto installare controfinestre e veneziane, ho fatto togliere i cassonetti/tapparelle e chiudere le aperture con cartongesso e materiale coibentante, allo scopo di migliorare l'efficienza energetica.
    Per quest'ultimo intervento posso chiedere l'agevolazione fiscale per ristrutturazione edilizia o per riqualificazione energetica?
    Grazie anticipate per la Vostra risposta.

  • Buonasera, vorrei acquistare un impianto di condizionamento autonomo
    ad inverter da posizionare in un appartamento in un condominio in cui ho caldaia e climatizzatore entrambi centralizzati. Posso usufruire della detrazione al 50% e se si come a causale del bonifico devo mette "Ristrutturazione edilizia" è una qualche norma di riferimento, anche se di fatto non ho opere edili?grazie

  • Buonasera, ho acquistato dei lucernari nuovi della velux cambiandoli con quelli vecchi, vorrei sapere cosa devo scrivere nella casuale del bonifico bancario per avere le detrazioni fiscali del 65%. Si tratta di Lavori di riqualificazione energetica giusto? Grazie

  • Devo pagare l'acquisto di due inverter con bonifico per la ristrutturazione. Il fornitore emette fattura solo al ritiro della merce e comunque solo dopo aver incassato il bonifico. Mi hanno dato un numero d'ordine che poi verrà riportato in fattura. Posso indicare questo nel campo "n fattura? "specificando in causale che la fattura viene emessa dopo il bonifico? ". Grazie

  • buongiorno, nel mio caso non è prevista una ristrutturazione. ho acquistato casa con atto del 23/12/16 e mi consegneranno l'immobile a breve. devo comprare il condizionatore (pompa di calore) e volevo effettuare l'acquisto sul sito dell'unieuro ( che offre in regalo un'asciugatrice) è possibile con il pagamento online usufruire dell'agevolazione? non accettano pagamenti tramite bonifico. Se si, il fatto che in regalo viene data un' asciugatrice può comportare dei problemi?
    Grazie mille
    Cristina

  • usufruisco già di una detrazione fiscale per la ristrutturazione della casa di mia moglie.
    Ora vorrei risistemare una altra casa di mia moglie. Posso usufruire della detrazione una seconda volta?
    grazie
    Umberto

  • Nel 2016 ho sostituito l'impianto di riscaldamento,a gasolio,con una idrostufa a pellet.Nel 2017 ,ho provveduto,in base alle indicazioni,a consegnare al fiscalista la documentazione,comprensivo delle copie di pagamento dei bonifici bancari.Il fiscalista in base ai dati di riqualificazione energetica ,ha posto il rimborso al 65%.Questo anno il nuovo fiscalista mi dice che il rimborso doveva essere al 50%,che bisognava presentare domanda ad ENEA.,e che forse non avevo diritto.L'intervento non incide su parti murarie o su muri condominiali(non essendocene),cosa che invece obbliga all'invio ,entro 90 giorni,la documentazione all'ENEA.L'unica cosa che forse non ho fatto.Mipotete delucidare?