Home Ambiente Comportamenti ecosostenibili degli Italiani. L’Indagine di Fondazione Impresa

Comportamenti ecosostenibili degli Italiani. L’Indagine di Fondazione Impresa

128
Comportamenti ecosostenibili degli Italiani. L’Indagine di Fondazione Impresa

Un cittadino su quattro è interessato alla classe energetica degli edifici e quasi uno su tre ha effettuato interventi di riqualificazione. In particolare il 25,4% degli italiani ha cercato attivamente informazioni sulla classe energetica della propria abitazione, mentre il 30,9% ha effettuato azioni di riqualificazione energetica attraverso la sostituzione di infissi, interventi di isolamento e manutenzione agli impianti di riscaldamento.

 

A rilevarlo un’indagine condotta dalla Fondazione Impresa su un campione di 600 italiani a cui è stato chiesto quali sono i comportamenti eco-sostenibili più importanti.

 

Nella Top Five dei comportamenti eco-sostenibili al primo posto il minor spreco di acqua (94,8% del campione), l’utilizzo di lampadine a basso consumo (88,8%), il consumo di prodotti alimentari biologici (84,5%), il minor uso degli impianti di riscaldamento o di raffreddamento (82,5%) e la raccolta differenziata(75,0%). Agli ultimi posti il car sharing (33,0%) e l’acquisto di prodotti sfusi (31,5%).

 

Il perfetto cittadino ecosostenibile è donna, viene dall’Italia settentrionale, ha tra i 35 e i 54 anni e un titolo di studio medio-alto. Secondo l’indagine invece a cercare attivamente informazioni sulla classe energetica della propria abitazione sono soprattutto gli uomini, tra i 35 e i 54 anni, diplomati e residenti nell’Italia settentrionale.

 

In particolare le azioni riguardano la sostituzione degli infissi (39,8%), l’isolamento degli edifici (31,0%) e la sostituzione degli impianti di riscaldamento (21,7%); residuale invece, l’installazione di pannelli solari termici (6,6%).

 

Nei prossimi due anni, secondo l’indagine, il 21,8% degli italiani che ha dichiarato di non aver ancora effettuato interventi di riqualificazione energetica delle proprie abitazioni intende sostituire gli infissi (41,8%), isolare l’edificio (24,1%) e sostituire gli impianti di riscaldamento (13,9%).

 

In prospettiva aumenta anche la propensione ad installare dei pannelli solari termici che in futuro potrebbe arrivare al 12,7%. Ma non solo le abitazioni private ad aver bisogno di interventi di efficientamento energetico. Secondo un’indagine dell’Enea che ha preso in esame 15 mila immobili pubblici, 43.200 scuole e 13.580 uffici, sarebbero necessari interventi per 8,2 miliardi di euro che porterebbero al risparmio del 20% di energia primaria e alla riduzione della bolletta energetica di 420 milioni l’anno.

 

Risparmio di denaro che in tempo di crisi non è da sottovalutare ma anche, secondo l’Enea, minori emissioni di CO2, rivalutazione del patrimonio immobiliare pubblico, miglioramento della qualità ambientale e del comfort dei luoghi di lavoro e una maggiore sicurezza degli edifici.


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here