Come ben sanno tutti i professionisti che operano nella direzione lavori, durante la fase realizzativa di un progetto si può verificare la necessità di ricorrere a delle modifiche rispetto alla situazione di partenza: sia in aggiunta che in diminuzione rispetto all’opera originaria.

E sono proprio le variazioni dei lavori e la perizia di variante i protagonisti del nuovo appuntamento con il nostro Dossier Speciale Direzione Lavori, realizzato in collaborazione con l’arch. Marco Agliata, autore della recente edizione, riveduta e aggiornata de La Guida Essenziale alla Direzione Lavori .

Entriamo dunque nel dettaglio della tematica.

L’articolo 132 del d.lgs. 163/2006 e l’articolo 161 del d.P.R. 207/2010 regolano i termini entro i quali può essere esercitato lo ius variandi da parte dell’unico soggetto autorizzato che è, negli appalti pubblici, la stazione appaltante.

Le ragioni per cui è possibile ed è consentito effettuare delle varianti sono sostanzialmente legate a cause o motivi imprevisti o mutate esigenze rispetto alla stesura del progetto (articolo 132, comma 1 del d.lgs. 163/2006).

Direzione lavori: i tre tipi di varianti possibili

Sulla base dei presupposti appena sopra ricordati è possibile definire tre tipologie sostanziali di attività:

1. variazioni dei lavori (non sono considerate varianti) entro il 10% per lavori di recupero e ristrutturazione ed entro il 5% per gli altri lavori delle categorie di lavoro dell’appalto e che non comportano aumento dell’importo contrattuale (sono disposte dal direttore dei lavori e approvate dal RUP);

2. varianti in aumento (o diminuzione) entro il 5% dell’importo contrattuale e con copertura all’interno della somma stanziata per l’esecuzione dell’opera – tale aumento va calcolato al netto del 50% dei ribassi conseguiti – (sono approvate dal RUP);

3. nei casi di sopraggiunte modifiche normative, nuove esigenze, eventi imprevisti (vedi art. 132, comma 1 d.lgs. 163/2006), la stazione appaltante può ordinare una variazione dei lavori fino alla concorrenza di un quinto dell’importo dell’appalto e con aumento di spesa solo per i nuovi lavori con un limite al 50% dell’importo dell’appalto e a condizione che si tratti di lavori strettamente complementari (approvate dalla stazione appaltante).

Nei casi indicati ai punti 2) e 3) si dovrà procedere alla redazione di una perizia suppletiva di variante in quanto si tratta di modifiche o integrazioni al progetto che comportano, comunque, un aumento di spesa.

Presupposto necessario perché si possa addivenire all’introduzione della perizia di variante e suppletiva è che si sia verificato il “bisogno” di introdurre delle variazioni non previste nel contratto principale d’appalto.

Nel caso la perizia di variante sia relativa a modifiche contenute entro un quinto dell’importo dell’appalto originario si dovrà predisporre, oltre i vari elaborati, anche un atto di sottomissione, oltre tale limite si dovrà redigere un atto aggiuntivo al contratto principale.

Per le varianti che eccedano il quinto dell’importo contrattuale e che siano determinate da errori progettuali (art. 132, comma 1, lettera e) del d.lgs. 163/2006), secondo quanto stabilito dall’’articolo 161, comma 13 del d.P.R. 207/2010, il responsabile del procedimento dovrà attivare la procedura (prevista allo stesso comma indicato) per accertare le intenzioni dell’esecutore in merito alla prosecuzione dei lavori.

Come già indicato e confermato dal quadro normativo e dalla ricorrente giurisprudenza in materia, il limite del 50% dell’importo del contratto d’appalto risulta essere la soglia oltre la quale non è più possibile introdurre varianti in aumento al progetto e ferma restando la condizione irrinunciabile che tali varianti (entro il 50%) siano “complementari ai lavori previsti nel contratto principale d’appalto.

Ai fini della determinazione del quinto (art. 161, comma 14 d.P.R. 207/2010), si ricorda che l’importo dell’appalto è formato dalla somma risultante dal contratto originario (aumentato dell’importo degli atti di sottomissione, atti aggiuntivi per varianti già intervenute) oltre all’ammontare degli importi diversi da quelli a titolo risarcitorio eventualmente riconosciuti all’esecutore ai sensi degli articolo 239, 240, 240-bis del d.lgs. 163/2006 – disposizione che non si applica nel caso di variante determinata da errori progettuali (art. 132, comma 1, lettera e) del d.lgs. 163/2006).

Come emerge da queste note sintetiche è evidente che, all’interno della direzione lavori, le varianti costituiscano un ambito di una certa complessità che rende indispensabile procedere in modo puntuale nell’espletamento dei vari passaggi che interessano attività quali:

– il riconoscimento della tipologia di variazione dei lavori o variante in corso d’opera sulla quale si sta intervenendo;

l’attivazione delle procedure appropriate e la predisposizione dei documenti richiesti per il relativo completamento;

– il corretto relazionamento, anche con atti formali, con le altre figure coinvolte oltre al direttore dei lavori (responsabile del procedimento, stazione appaltante e esecutore dei lavori);

– la predisposizione del progetto di variante e dei relativi atti contabili (nuovi prezzi);

– il successivo monitoraggio dell’esecuzione delle opere (da parte del direttore dei lavori) e la conseguente contabilizzazione.

In questo senso i riferimenti normativi indicati e la copiosa giurisprudenza in materia possono costituire il necessario e consolidato punto di riferimento per affrontare con consapevolezza tutti i passaggi e gli eventuali problemi che dovessero sorgere nell’ambito della direzione lavori.

Guida essenziale alla direzione dei lavori

Guida essenziale alla direzione dei lavori

Agliata Marco, 2013, Maggioli Editore

A quasi due anni dall'uscita della prima edizione e dopo l'introduzione di una serie di modifiche normative, si resa necessaria una revisione di questo manuale operativo di supporto all'attivit di direttore dei lavori. L'interesse suscitato dalla prima edizione ha confermato l'utilit di...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here