Home Bonus Edilizia Conversione Aiuti Quater, tutte le modifiche al Superbonus: riepilogo

Conversione Aiuti Quater, tutte le modifiche al Superbonus: riepilogo

Cambia il perimetro di applicazione della detrazione che viene invece confermata per gli interventi su immobili lesionati dai terremoti. Novità sul fronte cessione crediti

1616
decreto aiuti quater superbonus

Superbonus 2023. Il decreto Aiuti-quater, convertito in legge, ha radicalmente cambiato il perimetro di applicazione della detrazione riducendo l’aliquota e limitando l’accesso alla detrazione in caso di immobili unifamiliari solo a quelli utilizzati come prima casa. E nonostante gli auspici ci sono stati solo interventi di impatto limitato sul fronte dello sblocco della cessione dei crediti.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Ecco il panorama delle novità.

Leggi anche: Legge di Bilancio 2023 in Gazzetta: novità sui Bonus Edilizi e per i professionisti

Superbonus 110%, chi ne può ancora usufruire?

Il decreto Aiuti quater, in vigore dal 18 novembre 2022, ha ridotto l’aliquota del Superbonus al 90% salvando però alcuni casi. Il comma 894 della legge di Bilancio ha in parte modificato le regole per cui quest’anno continuano a beneficiare ancora della detrazione del 110%:

  • interventi condominiali per i quali l’approvazione dei lavori è avvenuta con delibera adottata entro il 24 novembre e Cilas presentata entro il 25 novembre;
  • interventi su immobili “assimilati” ai condomini (fabbricati con fino a quattro appartamenti di un unico proprietario o in comproprietà) Cilas presentata entro il 25 novembre 2022;
  • interventi condominiali per i quali l’approvazione dei lavori è avvenuta con delibera adottata entro il 18 novembre (cioè, prima dell’entrata in vigore dello stesso “decreto Aiuti quater”) e Cilas presentata entro il 31 dicembre 2022;
  • interventi di demolizione e ricostruzione degli edifici per i quali entro il 31 dicembre 2022 è stata presentata l’istanza per acquisire il titolo abilitativo.

Per quel che riguarda gli interventi condominiali la data della delibera di approvazione dei lavori deve essere attestata da un’autocertificazione dell’amministratore o del condomino rappresentante nel caso dei minicondomini. La falsa autocertificazione è un reato penale punito con una sanzione fino a 10 mila euro e la reclusione da due a sei anni.

L’aliquota “piena” resta invece confermata per gli interventi su immobili lesionati dai terremoti.

Leggi anche: Delibere condominiali e Superbonus: per il 110 occorre dichiarazione di atto notorio

Le regole per le villette

Sul fronte degli immobili unifamiliari, invece, il 2023 si presenta così:

  • possono beneficiare dell’aliquota al 110% fino al 31 marzo 2023 tutti coloro che avevano lavori in corso e hanno centrato l’obbiettivo del 30% dell’intervento realizzato al 30 settembre 2022;
  • da gennaio 2023 per le villette e gli immobili funzionalmente autonomi potranno essere ammessi al Superbonus al 90% solo i titolari di diritto di proprietà o di diritti reale di godimento sull’unità immobiliare, a patto che si tratti di prima casa e che il proprietario abbia un reddito di riferimento non superiore a 15 mila euro, calcolato sommando i redditi di tutti i familiari e dividendoli per i quozienti previsti dal decreto Aiuti-quater.

Potrebbe interessarti: Quoziente familiare Superbonus: come si calcola

Compensazione in dieci anni per i cessionari

Fin qui le regole per i lavori. Per quel che riguarda invece la questione della cessione del credito, il governo non ha fatto interventi drastici, ma solo piccole limature all’interno del decreto Aiuti-quater.

Con il comma 4 dell’articolo 9 del decreto è stato infatti stabilito che per i soli interventi di Superbonus i crediti d’imposta derivanti dalle comunicazioni di cessione o di sconto in fattura inviate all’Agenzia delle Entrate entro il 31 ottobre 2022 e non ancora utilizzati possono essere fruiti in 10 rate annuali di pari importo, in luogo dell’originaria rateazione prevista (cinque anni per le spese degli anni 2020 e 2021, quattro per quelle del 2022) previo invio di una comunicazione all’Agenzia delle entrate da parte del fornitore o del cessionario. Resta comunque confermato che la quota di credito d’imposta non utilizzata nell’anno non può essere usufruita negli anni successivi e non può essere richiesta a rimborso.

Per l’attuazione di queste norme è necessario un provvedimento delle Entrate atteso a breve, data la definitiva conversione in legge del decreto.

Le novità introdotte non cambiano nulla per i contribuenti che hanno effettuato lavori in quanto l’allungamento dei termini riguarda esclusivamente l’utilizzo del credito in compensazione, non quello della detrazione da usufruire direttamente.

Non perderti: Tetti di spesa Superbonus: attenzione alla doppia verifica

Più cessioni in banca

Il decreto Aiuti-quater, poi, ha introdotto la possibilità di effettuare non più solo due ma tre cessioni successive alla prima all’interno del sistema bancario. Si tratta chiaramente di una misura volta a creare nuovi spazi per acquisire nuovi crediti da parte degli istituti che avessero raggiunto il plafond per la compensazione. Sempre attiva poi la possibilità di cedere in qualunque momento i crediti ai propri correntisti titolari di partita IVA.

Leggi anche: Come utilizzare il credito d’imposta Superbonus

Prestiti ponte per le imprese

Infine il decreto Aiuti-quater offre alle imprese in carenza di liquidità per l’impossibilità a cedere i crediti l’accesso alla garanzia della SACE per chiedere presti ponte e finanziamenti di qualunque altra tipologia, eventualmente utilizzando gli stessi crediti presenti nel proprio cassetto fiscale per aumentare l’importo della garanzia.

Questa opportunità, comunque, come espressamente indicato nel comma 4- quater dell’art. 9 del decreto, è riservata solo alle imprese che rientrano nelle categorie contraddistinte dai codici ATECO 41 e 43 e che realizzano interventi di tipo edilizio ammessi al Superbonus, in riferimento ai soli crediti da Superbonus acquisiti entro la data del 25 novembre 2022.

Hai già visitato la sezione Risorse Gratuite di Ediltecnico?
Qui trovi ebook e corsi online utili per la professione

Consigliamo

Suggeriamo anche

Questo e-book in pdf di 83 pagine:

Foto: iStock.com/ultramarinfoto


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here