Home Bonus Edilizia Legge di Bilancio 2023 in Gazzetta: novità sui Bonus Edilizi e per...

Legge di Bilancio 2023 in Gazzetta: novità sui Bonus Edilizi e per i professionisti

Ora che la Manovra è legge, vediamo quali sono le novità per i professionisti e quelle su alcune delle agevolazioni per gli interventi edilizi per l’anno finanziario 2023, tra modifiche, proroghe e conferme

10103
Legge di Bilancio 2023 testo

Aggiornamento del 29 dicembre 2022: Via libera dell’Aula del Senato alla fiducia sulla Legge di Bilancio 2023 (con 109 sì, 76 no e 1 astensione). La Manovra (in serata pubblicata anche in Gazzetta Ufficiale) diventa così legge a tutti gli effetti.

Dai primi testi circolati, la nuova Legge di Bilancio sembrava non introdurre novità sui Bonus Edilizi (nella prima bozza del disegno di legge, ad esempio, non si faceva in alcun modo menzione del Superbonus). Con l’arrivo dei numerosi emendamenti, però, le cose sono velocemente cambiate.

>> Qui trovi il testo definitivo della Legge di Bilancio 2023 pubblicato in G.U. in data 29/12/2022 <<

Vediamo quindi quali sono le novità su alcune delle agevolazioni per gli interventi edilizi e quelle che riguardano i professionisti, tra modifiche, proroghe e conferme.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Superbonus condomini, miniproroga CILAS

Alla fine le novità tanto chiacchierate sulla CILAS sono confluite nella legge di Bilancio. Il testo fin qui circolato prevede di spostare in avanti, al 31 dicembre 2022, solo il termine per la presentazione della CILAS per i condomini veri e propri, ossia per gli edifici con più proprietari, a patto che la delibera con il via libera ai lavori sia stata approvata entro il 18 novembre (data di entrata in vigore del decreto Aiuti quater). In caso contrario resta come riferimento la data del 25 novembre >> ne parliamo in questo articolo, dove vediamo anche il nuovo schema di cessione dei crediti e la novità dei prestiti ponte per le imprese in difficoltà

Bonus Mobili ed Elettrodomestici

Colpo di scena sul Bonus Mobili ed Elettrodomestici: il tetto di spesa previsto per il 2023 non sarà di 5 mila euro come stabilito dalla Legge di Bilancio dell’anno scorso, ma salirà a 8 mila euro.

Lo stabilisce un emendamento approvato in commissione Bilancio, che conferma che il Bonus Mobili verrà prorogato per gli anni 2023 e 2024, ma con un tetto di spesa di 8 mila euro per il 2023 (e non di 5 mila come già previsto dalla precedente Legge di Bilancio). Si riduce così il taglio rispetto ai 10 mila euro del 2022. Il tetto di spesa resta invece confermato a 5 mila euro per il 2024 >> ne parliamo in questo articolo

Bonus 75% Barriere Architettoniche

Come sappiamo, la Legge di Bilancio 2022 aveva introdotto una nuova agevolazione: quella del 75% per gli interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere architettoniche. Ora la Legge di Bilancio 2023 la proroga fino al 2025.

Fino al 31 dicembre 2025 quindi gli interventi direttamente finalizzati al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche su edifici esistenti potranno godere di un’agevolazione del 75% che potrà essere utilizzata direttamente in dichiarazione dei redditi, in cinque quote annuali di pari importo, oppure mediante le opzioni alternative (sconto in fattura e cessione del credito) >> ne parliamo in questo articolo, che è una guida completa all’agevolazione

Potrebbe interessarti: Superbonus unifamiliari solo a proprietari e usufruttuari: niente per comodatari, inquilini o familiari

Bonus IVA case green

Torna dopo qualche anno la detrazione del 50% dell’IVA per l’acquisto di immobili in classe energetica A o B. Sulla base delle indicazioni date a suo tempo (2016) dall’Agenzia delle entrate, il bonus sull’IVA sarà cumulabile anche con le altre agevolazioni sugli acquisti di immobili ristrutturati da imprese, come pure sui costi di realizzazione dei nuovi box di pertinenza in vendita insieme alle abitazioni >> ne parliamo in questo articolo

Regime forfettario a 85 mila e Flat Tax incrementale

Con la nuova Legge di Bilancio per il 2023 la soglia di ricavi e compensi che consente di applicare un’imposta forfettaria del 15% sostitutiva di Irpef, Irap e Iva, è stata innalzata a 85 mila euro, dai 65 mila attuali.

Con l’aumento della soglia è stata introdotta una “tagliola anti-evasione”, un meccanismo di espulsione dal regime forfettario per chi “gioca” con fatturati e redditi. Il meccanismo attuale, infatti, consente alle partite Iva di sforare la soglia dei 65 mila euro senza subire ripercussioni fiscali immediate. Dal 2023, invece, chi avrà compensi o ricavi superiori ai 100 mila uscirà immediatamente dal forfettario, senza aspettare l’anno fiscale seguente (e dovrà anche emettere fatture Iva).

Chi invece supererà la nuova soglia degli 85 mila, ma restando sotto ai 100 mila, uscirà dal regime forfettario a partire dall’anno successivo, quindi dal 2024. Introdotta poi una Flat Tax incrementale… >> approfondiamo tutto in questo articolo

Leggi anche: Flat Tax al 15% per partite Iva fino a 85 mila euro, le novità della Manovra 2023 per i professionisti

Legge Bilancio 2023, altre misure di interesse

Vediamo ora invece alcune delle altre misure di interesse, in materia di: caro energia, agevolazioni prima casa under 36, mutui, limite al contante.

Caro energia

Con un comunicato stampa emesso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stato reso noto che con la Legge di Bilancio 2023 viene confermata l’eliminazione degli oneri impropri delle bollette, rifinanziato fino al 30 marzo 2023 il credito d’imposta per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale che per bar, ristoranti ed esercizi commerciali salirà dal 30% al 35% mentre per le imprese energivore e gasivore dal 40% al 45%.

Inoltre, per l’anno 2023, è previsto il Bonus Sociale Elettrico e Gas. Ovvero sono ammessi alle agevolazioni relative alle tariffe per la fornitura di energia elettrica riconosciute ai clienti domestici economicamente svantaggiati e alla compensazione per la fornitura di gas naturale, i nuclei famigliari con un ISEE valido nel corso dell’anno 2023 pari a 15 mila euro.

Potrebbe interessarti: Decreto Aiuti Quater proroga a dicembre il Bonus Energia per le imprese

IVA pellet al 10%

Per andare incontro alle famiglie che utilizzano il pellet come fonte di riscaldamento domestico e che stanno riscontrando difficoltà a causa dell’aumento dei costi, nel 2023 l’aliquota IVA si riduce al 10% per il pellet, in luogo dell’aliquota ordinaria al 22% >> ne parliamo in questo articolo

Inoltre l’IVA si riduce al 5% per i consumi associati al teleriscaldamento relativi al primo trimestre dell’anno.

Agevolazioni prima casa giovani under 36

Prevista una proroga al 31 dicembre 2023 per l’agevolazione per l’acquisto prima casa per under 36.

Ricordiamo che tale agevolazione è stata introdotta dall’art. 64 c. 6-8 del D.L. 73/2021 (Decreto Sostegni-bis) che ha previsto l’esenzione da imposizione per le compravendite (compresi gli atti traslativi o costitutivi della nuda proprietà, dell’usufrutto, dell’uso e dell’abitazione) di prima casa (non di lusso) e per il mutuo stipulato per il relativo finanziamento, per le stipule:

  • effettuate nel periodo dal 26 maggio 2021 al 31 dicembre 2022 (termine originario 30 giugno 2022 poi prorogato dalla Legge di Bilancio 2022),
  • da parte di soggetti under 36 (occorre non aver ancora compiuto 36 anni nell’anno in cui c’è il rogito – esempio: acquisto nel 2021 bisogna compiere i 36 anni dal 2022 in poi) e con Isee non superiore a € 40 mila annui (Isee con dati reddituali e di patrimonio riferiti al secondo anno precedente – esempio: acquisto nel 2021 Isee 2019; per ulteriori specificazioni si veda Circolare delle Entrate 12/2021).

Potrebbe interessarti: Guida agevolazioni Prima Casa: domande e risposte su soggetti, atti e requisiti

Rinegoziazione mutui a tasso variabile

Per quanto riguarda invece i mutui, con la Legge di Bilancio 2023 i mutui a tasso variabile potranno essere rinegoziati passando al fisso, ma solo se fino a 200 mila euro, con Isee fino a 35mila euro e senza ritardi nei pagamenti.

Limite contante

Nel testo viene disposto che a partire dal 1° gennaio 2023, la soglia per il pagamento in contanti è innalzata da 1.000 a 5.000 euro.

Consigliamo

Consigliamo anche

Due utili strumenti di calcolo per i professionisti interessati dal nuovo regime forfettario o dalla nuova flat tax incrementale:

Foto:iStock.com/Dilok Klaisataporn


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here