Home Progettazione Appalti Fondo Kyoto miglioramento energetico edifici pubblici. Via alle domande

Fondo Kyoto miglioramento energetico edifici pubblici. Via alle domande

C'è tempo fino al 31 dicembre 2022. Ecco chi sono i soggetti che possono richiedere i finanziamenti e quali sono le modalità di presentazione delle domande

148
domanda fondo kyoto

È possibile presentare le domande per usufruire dei finanziamenti del Fondo Kyoto, nato per l’efficientamento energetico delle scuole, delle strutture sanitarie e degli impianti sportivi. Attraverso il Decreto direttoriale n. 200 del 15 settembre 2022 sono stati riaperti i termini per la presentazione delle domande di concessione dei finanziamenti a tasso agevolato.

Il termine ultimo di presentazione delle domande è fissato alle ore 24,00 del 31 dicembre 2022. Il fondo ammonta ad oltre 166 milioni di euro.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Vediamo nel dettaglio quali sono i soggetti che possono richiedere i finanziamenti e quali sono le modalità di presentazione delle domande.

Leggi anche: ANAC: dal 25 ottobre operativo il Fascicolo Virtuale dell’Operatore Economico

Chi può presentare le domande Fondo Kyoto

Sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.249 del 24-10-2022 è pubblicato il comunicato del Ministero della Transizione Ecologica che fornisce le indicazioni sulla riapertura dei termini
per la presentazione delle domande di concessione dei finanziamenti Fondo Kyoto, regolamentata dal decreto direttoriale n. 200 del 15 settembre 2022.

I soggetti che possono presentare domanda di accesso al finanziamento:

  1. i Soggetti pubblici proprietari delle seguenti strutture:
    • edifici destinati all’istruzione scolastica, ivi inclusi gli asili nido,
      all’istruzione universitaria, all’alta formazione artistica, musicale e coreutica
      (AFAM);
    • impianti sportivi, non compresi nel “Piano per la realizzazione di impianti
      sportivi nelle periferie urbane” del decreto legge 25 novembre 2015, n. 185;
    • edifici adibiti a ospedali, policlinici e a servizi socio-sanitari.
  2. i Soggetti pubblici che a titolo oneroso o gratuito hanno in uso le strutture pubbliche
    di cui al punto 1);
  3. i Fondi di investimento immobiliare costituiti ai sensi al decreto-legge 6 luglio 2011,
    n. 98, per i soli edifici di cui al punto 1, lettera a).

Potrebbe interessarti: Appalti: come cambieranno le gare dal mese di gennaio 2023

Come presentare le domande di accesso al Fondo Kyoto

Si legge nel comunicato del Ministero che la procedura di ammissione alle agevolazioni è «a sportello».

Per la definizione dell’ordine cronologico di ricezione delle domande farà fede la data e l’orario riportato sulla ricevuta di accettazione del provider di posta elettronica certificata (PEC) del Ministero della transizione ecologica. Le modalità di presentazione delle domande e la relativa documentazione da allegare sono disciplinate dall’articolo 9 del decreto interministeriale 11 febbraio 2021, n. 65.

Le domande di ammissione dovranno essere compilate, a pena di irricevibilità, attraverso
l’apposito applicativo reso disponibile sul sito internet della Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., firmate digitalmente e, corredate della relativa documentazione, trasmesse con unica PEC ai seguenti indirizzi di posta elettronica certificata:

  • fondokyoto@pec.minambiente.it
  • cdpspa@pec.cdp.it

Tutte le informazioni sono presenti alla pagina del Ministero competente.

Hai già visitato la sezione Risorse Gratuite di Ediltecnico?

Qui trovi ebook e corsi online utili per la professione

Consigliamo

Foto:iStock.com/JohnnyGreig


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here